Il comitato regionale per il tesseramento del Partito democratico della Puglia, “alla luce delle notizie di stampa e accertato il crescente numero di iscritti online pervenuti nelle ultime ore nel Circolo di Bisceglie“, ha deciso di commissariare il tesseramento del Circolo, nominando Domenico De Santis, uno dei principali collaboratori del presidente della regione Michele Emiliano, e segretario regionale uscente. Lo rende noto il Pd della Puglia. Nelle ultime ore era emerso un numero anomalo di iscrizioni che ha sollevato molte polemiche. Tra i nuovi iscritti anche il sindaco e presidente della Provincia Bat Francesco Spina, già esponente del centrodestra ma alle ultime elezioni regionali sostenitore di una lista a favore di Emiliano.

Il primo cittadino rivendica il fatto di essere stato rieletto nel 2013 da 11 liste civiche. Al Pd si sono iscritti anche assessori e consiglieri comunali. “Questa decisione è stata assunta sentendo il segretario regionale, provinciale e la segretaria cittadina”, si spiega in una nota. “In questi ultimi giorni sarà garantito il regolare svolgimento del tesseramento presso il circolo nella massima trasparenza“, assicura il Pd.
“Infatti l’iscrizione online è solo una parte del procedimento di formalizzazione del tesseramento, la sua completezza avviene presso il circolo territoriale attraverso il ritiro personale della cedola. Per quanto attiene la legittima richiesta di iscrizione di rappresentanti istituzionali nelle prossime settimane gli organi politici e di garanzia saranno chiamati a decidere sui casi specifici. Il Partito Democratico è un Partito aperto, plurale, democratico e libero. Chiunque può iscriversi al Pd se risponde alle caratteristiche sancite dallo Statuto Nazionale e dal Codice Etico, infatti da mesi stiamo incentivando le nuove adesioni di cittadini e da mesi i nostri circoli sono aperti nei weekend per consentire la partecipazione attiva al Pd”, conclude la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bisceglie, in un mese tutto il Comune si iscrive al Pd. Il sindaco (ex Fi): “363 nuove tessere? Non vedo nulla di strano”

prev
Articolo Successivo

Unioni civili, al via discussione in Aula. Ma il primo voto dopo il Family Day

next