Il sistema italiano è solido, ci sono non le banche nel mirino. Ma alcune banche. E’ il mercato bellezza”. Così Matteo Renzi durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi sui decreti attuativi della riforma della Pubblica amministrazione. “Vanno rispettate le regole, tutti i segnali – ha proseguito il premier – sono di grande serietà da parte delle istituzioni. Servono cambiamenti significativi per cui alla fine ci saranno meno banchieri, meno poltrone e più risorse per il credito, più trasparenza. Per questo dico che le turbolenze di queste ore possono essere un’opportunità. Il mondo delle banche in Italia – ha proseguito – ha necessità di cambiamenti significativi, ma “le turbolenze di queste ore possono essere una grande opportunità per l’Italia“. “Per anni sulle banche popolari si è fatto passare un messaggio di disinteresse, oggi dopo la nostra riforma le popolari possono essere protagoniste di un processo di fusione e consolidamento. Le Bcc hanno presentato la propria autoriforma e noi siamo pronti a fare la nostra parte“. Il premier ha però ribadito che il governo “sta attento”, prende atto che dalla Bce con chiarezza si è detto che non ci sarà “intervento sulle banche italiane ma al tempo stesso pensiamo che banche e azionisti devono fare di corsa, presto e bene”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giubileo, è giusto restringere la concorrenza nel settore turistico?

next
Articolo Successivo

L’economia italiana è ‘così così’

next