Grazie a un mix terapeutico, che comprende un farmaco e la terapia genica, è stata ridata la vista ad animali con lesioni al nervo ottico come quelle che intercorrono in caso di glaucoma ad esempio. Reso noto sulla rivista Cell è il traguardo di un gruppo di ricerca Usa da tempo impegnato nella rigenerazione del nervo ottico e che vede coinvolta in primo piano l’italiana Michela Fagiolini del Boston Children’s Hospital e Harvard University che spiega all’Ansa: “Questo studio rappresenta decisamente un passo significativo nella messa a punto di strategie per la rigenerazione del nervo ottico, le quali potrebbero essere applicabili in pazienti in tempi relativamente brevi”.

I nervi ottici sono le vie nervose che portano le informazioni visive al cervello sotto forma di impulsi elettrici. Ad oggi non ci sono chance di recupero quando il nervo ottico subisce una lesione. Gli esperti hanno prima stimolato la rigenerazione dei nervi con la terapia genica (le nuove fibre nervose si sono connesse correttamente fino a riallacciarsi al cervello); poi i nervi sono stati attivati con un farmaco.
“In breve – spiega Fagiolini – siamo riusciti a ristabilire la visione in animali adulti attraverso la combinazione di terapia genetica e un farmaco già utilizzato in clinica per la distrofia muscolare che permette ai nervi rigenerati di condurre il segnale nervoso dall’occhio fino al cervello e così facendo permette di vedere”. Abbiamo valutato la vista dei topolini prima e dopo la somministrazione del farmaco e dimostrato un incremento significativo della visione”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omeopatia ‘non scientifica ma utile’ in pediatria? Non illudiamo i genitori

next
Articolo Successivo

Osservata supernova settanta miliardi di volte più luminosa del Sole

next