Gli speaker de “Lo zoo di 105” Marco Mazzoli e Gilberto Penza sono stati condannati per aver diffamato Rossella Brescia. La pena è sospesa e subordinata al pagamento di un risarcimento alla ballerina e conduttrice tv di 15mila euro da parte di Mazzoli e 1000 da Penza. A deciderlo è stato il Tribunale di Roma.

I due erano accusati di diffamazione per le dichiarazioni fatte nella puntata dell’8 ottobre 2012. Parlando della Brescia, gli speaker fecero riferimenti alla relazione della ballerina con l’ex regista di “Buona Domenica” Roberto Cenci. Mazzoli disse: “Ha inventato sicuramente un modo per arrivare in televisione senza dover fare la gavetta“. Per questo motivo Brescia querelò i due conduttori. “Sono diventata una ballerina stimata”, ha detto scoppiando a piangere all’udienza dello scorso maggio, “prima di conoscere il mio ex marito. Ho faticato all’Accademia per imparare a ballare. I miei genitori si sono sacrificati per aiutarmi. Il successo è il frutto del mio sudore”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Soraya Dollbaz, ‘professione fotografa di peni’: “Li trasformo in soggetti di alta moda grazie ad abitini da bambole”

prev
Articolo Successivo

Alan Rickman, morto il Severus Piton di Harry Potter: addio al professore antieroe della saga

next