Lunedì horribilis a Piazza Affari per il Monte dei Paschi di Siena e Carige, che hanno archiviato la seduta ai minimi storici. L’istituto senese, sospeso più volte dalle negoziazioni per eccesso di volatilità, ha lasciato sul terreno l’11,2% e i suoi titoli sono scesi per la prima volta sotto quota un euro: il prezzo finale è di 0,925 euro, il 50% in meno rispetto al gennaio 2015. Forti vendite anche su Carige, che ha perso il 13,6% chiudendo a 0,89 euro contro gli 1,9 euro del gennaio dello scorso anno.

Le due banche lo scorso autunno sono state promosse nell’ambito del processo di revisione e valutazione prudenziale della Banca centrale europea, che le ha inserite nel drappello degli istituti “a medio rischio“. Questo perché entrambe hanno varato corposi aumenti di capitale: Mps ha chiesto agli azionisti altri 3 miliardi mentre la cassa di risparmio di Genova, che lo scorso anno insieme all’istituto senese non aveva superato gli stress test dell’Eurotower, si è mossa con una ricapitalizzazione da 850 milioni di euro. In entrambi i casi i soci delle due banche avevano acquistato le nuove azioni a un prezzo di 1,17 euro. Ora la capitalizzazione di Mps è scesa a 2,7 miliardi mentre quella di Carige è di circa 740 milioni di euro.

Dopo la chiusura dei mercati Carige ha diffuso un comunicato che attribuisce “l’anomalo andamento borsistico” del titolo a “operazioni speculative non correlate all’andamento operativo del gruppo”, assicurando che le attività delle banca “proseguono nel rispetto delle previsioni del piano industriale 2015 – 2019 così come comunicato al mercato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cimiteri Roma, Ama mette all’asta cappella “fatiscente”. Acquirente chiede i danni e studia denuncia per truffa

next
Articolo Successivo

Banca Etruria, Codacons: “Consob pronta a valutare annullamento bilanci dal 2010 al 2014”

next