“Vergogna, Vergogna”. A urlarlo sono le decine di persone che hanno perso i loro risparmi dopo il fallimento della Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio. Il sit-in di protesta è stato organizzato a Civitavecchia (Roma), davanti alla sede dell’istituto, in pieno centro storico. Solo un mese fa nella cittadina laziale si è tolto la vita Luigino D’angelo, il pensionato che aveva perso 100mila euro (suddivisi tra obbligazioni, un lingotto d’oro e contanti) affidati allo stesso istituto.

Ad organizzare la manifestazione, due giorni dopo quella di Arezzo, è stato il Codacons che ha chiesto ai vertici della banca di visionare i documenti relativi ai risparmi dei suoi clienti. Il presidente Carlo Rienzi è entrato in banca e ha dichiarato: “Oggi parte un’azione radicale. Faremo ricorso al Tar contro i decreti di Bankitalia che hanno disposto l’attuazione della legge di bail-in, un provvedimento incostituzionale. Consiglio a tutti di fare ricorso – ha poi continuato – Se il Tar ritiene i decreti incostituzionali dovrebbe inviare la legge alla Corte costituzionale. Se la Corte annulla la legge allora i risparmiatori potrebbero riavere i propri soldi. È un percorso lungo, difficile e con esito incerto”.

Gli ex obbligazionisti che hanno perso i loro risparmi dopo il decreto salva-banche varato dal governo il 22 novembre scorso, hanno raccontato le loro vicende personali: “Ci siamo fidati e ora ci ritroviamo in mano carta straccia – spiega Tiziana – Con gli impiegati eravamo anche diventati amici. Per questo abbiamo firmato quelle carte senza preoccuparci troppo, mai pensavamo che stessero per truffarci. Io ho perso 10mila euro – continua Tiziana – e l’ho scoperto solo quando sono andata in banca per un versamento e l’impiegato mi ha detto ‘mi spiace, ma i suoi soldi non ci sono più’. Mi è caduto il mondo in testa. Non ci hanno mai avvertito né spiegato cosa fossero le obbligazioni subordinate“.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecom, 261mila euro di multa Agcom: “Tempi troppo lunghi per allacciamento a rete e risposta a chiamate”

next
Articolo Successivo

Hoepli, la sorella e il figlio di Ulrico si sfidano in tribunale. Azioni della casa editrice sequestrate

next