Mentre la Ferrari è al centro dell’attenzione per le questioni legate alla sua quotazione in borsa, alla separazione da FCA e al controllo della società, la filiale americana si trova alle prese con un problema molto più banale ma altrettanto importante. Ci sono, infatti, 185 California T da richiamare per risolvere un problema al circuito a bassa pressione del carburante, che potrebbe provocare delle perdite di benzina nel vano motore e dunque aumentare il rischio di incendio. Una disavventura che la Ferrari aveva già sperimentato su un lotto di 1.248 458 Italia; in quel caso, però, la parte colpevole era una paratia in materiale plastico, che si trovava troppo vicino agli incandescenti collettori di scarico, arrivando spesso a prendere fuoco.

Tornando alle California T, le vetture interessate sono state prodotte a Maranello dall’8 settembre all’11 novembre scorso e la procedura di richiamo è già iniziata lo scorso 14 dicembre da parte di Ferrari North America. I dealer americani, inoltre, hanno temporaneamente sopeso le vendite dell’auto che nella gamma del Cavallino Rampante rappresenta il modello di accesso. Con i suoi 186.723 euro di listino, inoltre, la California T è l’unica Ferrari ad avere un prezzo di partenza inferiore ai 200.000 euro, una soglia ormai superata anche dalle berlinette V8 a motore centrale. Con i suoi 560 CV a 7.500 giri, erogati dal 3.8 V8 bi-turbo – parente stretto di quello montato sulle Maserati Ghibli e Quattroporte – la coupé-cabriolet teme comunque pochi confronti dal punto di vista delle prestazioni, considerando lo 0-100 km/h bruciato in 3,6 secondi e i 316 km/h di velocità massima.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porsche, addio superbonus e più lavoro: il piano d’austerità per finanziare l’elettrica

next
Articolo Successivo

2015, i dieci eventi che il mondo dell’auto ricorderà. Dalla Giulia al dieselgate

next