Renzi vuol fare un regalo di Natale a Carrai: aria, suolo, salute delle popolazioni della Piana. E tanti soldi.

Come? Cambiando le regole del gioco per l’approvazione del nuovo aeroporto di Firenze che stenta a decollare.

aeroporto firenze 640

Un emendamento alla legge finanziaria passato in Commissione Bilancio della Camera – e poi ritirato all’alba dai proponenti – avrebbe fatto rientrare il progetto di Carrai nell’applicazione della Legge Obiettivo del 2001 voluta da Berlusconi e definita “criminogena” da Cantone dell’Autorità anticorruzione.

Con le nuove regole l’aeroporto, diventato “opera strategica”, sarebbe uscito dalle procedure ordinarie di valutazione: dichiarato di pubblica utilità, avrebbe proceduto in variante a tutta la pianificazione senza più necessitare di un progetto definitivo (ciò vuol dire che il Master Plan sarebbe stato sufficiente). Per di più la responsabilità del procedimento sarebbe passata dagli enti locali direttamente al Consiglio dei ministri. Ma non è finita: le nuove regole si applicherebbero anche alle opere in corso di approvazione.

Inaudito. Scajola e Lunardi, in confronto, sembrano gentiluomini d’altri tempi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salva banche: storie di azzardi (im)morali

prev
Articolo Successivo

Start-up, i numeri crescono ma l’Italia resta indietro

next