Un muro di vagine per far capire alle donne che non esiste la vagina perfetta, ognuna è diversa e per questo unica. Sono circa 400 i calchi di vagine che compongono “The great wall of vagina” , l’opera dello scultore Jamie McCartney in mostra a Londra all’interno della mostra intitolata “Skin Deep”. Intervistato da Vice, McCartney dichiara a proposito della sua singolare scultura: “Volevo che i calchi parlassero da sé. Era necessario averne il più possibile, perché metterle una accanto all’altra evita che le persone si concentrino su ognuna singolarmente. È un modo per andare oltre le allusioni alla pornografia. I genitali, se considerati al di fuori del corpo, non sono per niente sexy, e quando sono così numerosi lo sono ancora meno. Inoltre i calchi completamente bianchi eliminano ogni questione di razza o colore. La loro omogeneità permette un confronto semplice e diretto con tutti gli altri calchi.”

Un lavoro che è durato più di quattro anni, il tempo necessario di trovare le 400 donne a cui è stato chiesto di poter riprodurre la loro vagina con un calco. “Piuttosto che rassicurare le donne sul fatto che non hanno nulla da temere, tanti chirurghi plastici si sentono in diritto di convincerle delle loro imperfezioni”, ha detto l’artista a proposito della vaginoplastica, operazione che molte donne richiedono per migliorare la propria vagina dal punto di vista estetico. “Pensare che i propri genitali siano brutti è un problema psicologico e offrire una soluzione chirurgica come prima risorsa è quantomeno immorale. Una volta ho trovato una foto rubata da uno dei pannelli del Grande Muro sul sito di un chirurgo plastico, che la stava usando per illustrare quanto siano orribili tante vagine. Ero scioccato. Nelle mani sbagliate, questa può diventare un’arma a doppio taglio.”

Secondo lo scultore il porno rafforza degli stereotipi creandoci dei complessi “E’ diventato il sostituto dell’educazione sessuale, il che è vergognoso.” afferma.  The Great Wall of Vagina sarà esposto fino al 2 giugno a Londra alla galleria Hay Hill di Londra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michelle Obama in versione rapper per convincere gli studenti ad andare al college (VIDEO)

next
Articolo Successivo

Matteo Salvini vestito da Re Magio nel presepe vivente della scuola della figlia e scatta l’ironia dei social (FOTO)

next