Esaurita la fase di test con il servizio a disposizione solo di account verificati e quindi di artisti e personaggi pubblici, Live Mentions, il servizio streaming di Facebook si apre gradualmente al popolo del social network. Negli Stati Uniti è già disponibile per un gruppo ristretto di utenti iPhone (che possono passare dalla camera frontale a quella posteriore e viceversa), ma a breve assicurano da Palo Alto, la nuova feature sarà selezionabile come un nuovo tipo di stato indicato come “Live video“.

In aperta concorrenza con app come Meerkat e Periscope di Twitter, la nuova possibilità offerta dal social di Mark Zuckerberg, oltre ad allargare la possibilità di inserire video, va in cerca di nuovi contenuti in tempo reale che generano molte conversazioni soprattutto su Twitter. A non essere entusiasti della novità saranno probabilmente i gestori delle reti già messi a dura prova dai video di Fb che partono in automatico senza il bisogno di clic. D’altronde sono proprio i video la nuova frontiera della rete che in questo caso servono “per coinvolgere amici e familiari nei momenti importanti della propria vita” come ha sottolineato, forse un po’ ingenuamente, a The Verge Julie Zhou, product design director di Facebook.

I video permetteranno all’utente di vedere i nomi degli amici che lo stanno guardando e i commenti in tempo reale. Sarà possibile scrivere anche una breve descrizione dei contenuti e scegliere chi invitare attraverso una notifica. Da parte sua l’algoritmo di Fb, a differenza di altre app che segnalano a tutti i follower il video, segnalerà in automatico la trasmissione solo a un ristretto gruppo di persone identificate come gli amici stretti. Per gli utenti sarà possibile sottoscrivere il canale e avvisare in tempo realle delle nuove trasmissioni. A differenza della concorrenza saranno salvati nella timeline e ci rimarranno fino a quando non saranno cancellati.

Prima di farsi prendere dall’entusiasmo del broadcasting fatto in casa, è meglio però controllare il piano dati e procedere con tranquillità se è illimitato. In caso contrario conviene cercare un wi-fi controllando però il consumo della batteria. Il lancio del live streaming non è l’unica novità che arriva da Palo Alto. Il social network ha introdotto anche una funzionalità per quanto riguarda la gestione delle foto. Con la nuova feature è possibile creare in modo automatico collage fotografici in base a dati come luogo degli scatti e data della foto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia, ecco perché Google potrebbe risolvere i nostri problemi

prev
Articolo Successivo

Star Wars Battlefront, tornano su pc e console le battaglie ispirate all’epopea di George Lucas

next