“E’ un quarto di secolo che l’amianto è stato messo al bando l’amianto, ma siamo ancora lontani dalla soluzione del problema: ci sono 32 milioni di tonnellate ancora presenti sul territorio. Al ritmo attuale delle azioni di bonifica, noi riusciremo a liberarci del problema amianto di qui a 85 anni, un’infinità”. Tito Boeri, presidente dell’Inps, lo ha detto durante l’assemblea nazionale sull’amianto che si è tenuta lunedì mattina in Senato. “Ci sono problemi di natura istituzionale e resistenze delle singole imprese in nome dei costi“, ha spiegato Boeri, evidenziando che ci sono stati “notevoli ritardi dovuti alle resistenze delle singole aziende per i costi, a problemi di natura istituzionale, con le Regioni che non hanno approvato i piani, e ad una complessità normativa che rende importante l’adozione di un testo unico”.

L’economista, poi, ha auspicato passi avanti nella flessibilità di uscita dal posto di lavoro anche per i lavoratori esposti per oltre 10 anni all’amianto. Che hanno già diritto per legge a particolari benefici nell’accesso alla pensione. “È molto difficile misurare l’aspettativa di vita dei singoli lavoratori nelle singole carriere. In questo senso se andassimo verso un sistema pensionistico che sfrutta di più la flessibilità in uscita supereremmo questo problema”, ha detto il presidente Inps. “Siamo all’interno di un quadro normativo complesso, che pone in essere differenze di trattamento tra i lavoratori”. Per questo bisognerebbe “perseguire con forza” un sistema pensionistico che sfrutti maggiormente “la flessibilità quanto alla data in cui è possibile percepire una pensione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrovie, il Tesoro scioglie le riserve. Al via la gestione del renziano Mazzoncini

next
Articolo Successivo

Tassa sulla bici, la proposta del senatore Filippi (Pd) scatena la protesta dei ciclisti

next