Mai più senza. Et voilà, è in arrivo Izivibe, il primo vibratore al mondo che utilizza le vibrazioni dello smartphone. Semplice, efficace e nelle tasche e non solo di tutti. Donne (e uomini), questo sex toy è progettato per propagare le vibrazioni del telefono in tutta la loro ampiezza, e per procurarvi il massimo del piacere. “Gioca da solo, o insieme ad altri… anche quando sei da sola/o!” si legge sul sito ufficiale www.izivibe.com. Non ci sono più i cellulari e le cover a forma di orsacchiotto di una volta.

Izivibe è una custodia rosa a forma di dildo destinata ad avverare le profezie più inaudite sul sesso virtuale. Funziona così: scarichi un’app per iPhone (è prevista anche la versione per Apple Watch, che nemmeno 007 e le Bond Girls) e a quel punto la custodia fallica del tuo fido smartphone si attiverà come per magia sensuale, e in sette possibili vibrazioni diverse. Attivabili e regolabili anche “in remoto” dal partner (metti che hai un ménage a distanza) o da un’intera comunità a piacimento (metti che sei per una sessualità pubblica e cyber-libertina). Dipende dalle abitudini e dalla brama di trasgressione. “Personalizza la tua modalità e scopri quella degli altri utenti. Fa’ loro prendere il controllo”. E anche l’auto-erotismo diventa un gioco social. Quanto amore, in questi cellulari moderni.

Siete ipocondriaci? No problem, nessun pericolo di infezione o allergia all’orizzonte: la custodia a sembianza di dildo (e dalle dimensioni personalizzabili) è realizzata infatti in silicone medicale al 100% ipoallergenico. Solo che bisognerà avere un po’ di pazienza: ci sarà da aspettare fino al 2016 per il lancio sul mercato. Lecito attendersi un successo di massa. Con Izivibe, se troverete la linea occupata o non raggiungibile… be’, gli smartphone di nuova generazione non sono fatti per telefonarsi, no?

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zelda La Grange, a fianco di Nelson Mandela dal ’94 alla sua morte: “Gestire la sua agenda? Difficile. Agiva spesso fuori dal protocollo”

next
Articolo Successivo

Laura Ravetto si sposa con Dario Ginefra: dopo la rottura su Twitter arrivano le pubblicazioni di nozze

next