Feroce scontro tra il direttore del Tg4, Mario Giordano, e l’editorialista dell’Unità, Fabrizio Rondolino, durante La Gabbia, su La7. Non nuovi alle litigate in tv. la miccia della polemica tra i due giornalisti stavolta è innescata da un cartello esibito dal conduttore Gianluigi Paragone e concernente i dati sulla disoccupazione nel governo Renzi. A sbottare è Giordano, che ammonisce il collega: “Io ho ascoltato in religioso silenzio la tua devozione renziana”. “La tua è proprio una battuta stupidina”, commenta Rondolino, che motiva le sue dichiarazioni precedenti e le definisce ‘fatti reali’. Il direttore del Tg4 non ci sta: “Lasciami parlare! Quali fatti reali? Rondolino, vai a leccare il culo a Renzi da un’altra parte!”. Il giornalista dell’Unità applaude ironicamente e replica: “Bravo, Giordano, sei proprio bravissimo”. E aggiunge, rivolto al conduttore: “Io non mi faccio insultare da un ragazzino”. La gazzarra prosegue a suon di botta e risposta. Rondolino parla e Giordano commenta: “Fai il tuo soliloquio, così Renzi ti premierà e ti darà una consulenza d’oro, una poltroncina”. “Guarda che il tuo editore è il primo a battere le mani per questi risultati del governo”, controbatte Rondolino. “E’ anche il tuo editore per cui tu hai preso soldi tante volte da Il Giornale e da Panorama”, risponde Giordano. “E infatti noi berlusconiani siamo felici che l’Italia vada bene”, replica Rondolino. “L’Italia purtroppo non va bene, Rondolino!” – erompe Giordano – “Ma dove cazzo vivi? Ci sono 4 milioni di poveri!”. “Oh, poverini” – commenta la firma dell’Unità – “4 milioni è sempre meglio di 5 milioni. Sono calati”. “Tu non li vedi, Rondolino, perché sei scemo”, chiosa il direttore del tg4

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

De Luca, Fico (M5S): “Chiederemo la sfiducia del governatore”

prev
Articolo Successivo

Veltroni replica alla Santanchè: “Collaborare gratis con Ciak? Solo se me lo chiedesse il direttore”

next