Feroce scontro tra il direttore del Tg4, Mario Giordano, e l’editorialista dell’Unità, Fabrizio Rondolino, durante La Gabbia, su La7. Non nuovi alle litigate in tv. la miccia della polemica tra i due giornalisti stavolta è innescata da un cartello esibito dal conduttore Gianluigi Paragone e concernente i dati sulla disoccupazione nel governo Renzi. A sbottare è Giordano, che ammonisce il collega: “Io ho ascoltato in religioso silenzio la tua devozione renziana”. “La tua è proprio una battuta stupidina”, commenta Rondolino, che motiva le sue dichiarazioni precedenti e le definisce ‘fatti reali’. Il direttore del Tg4 non ci sta: “Lasciami parlare! Quali fatti reali? Rondolino, vai a leccare il culo a Renzi da un’altra parte!”. Il giornalista dell’Unità applaude ironicamente e replica: “Bravo, Giordano, sei proprio bravissimo”. E aggiunge, rivolto al conduttore: “Io non mi faccio insultare da un ragazzino”. La gazzarra prosegue a suon di botta e risposta. Rondolino parla e Giordano commenta: “Fai il tuo soliloquio, così Renzi ti premierà e ti darà una consulenza d’oro, una poltroncina”. “Guarda che il tuo editore è il primo a battere le mani per questi risultati del governo”, controbatte Rondolino. “E’ anche il tuo editore per cui tu hai preso soldi tante volte da Il Giornale e da Panorama”, risponde Giordano. “E infatti noi berlusconiani siamo felici che l’Italia vada bene”, replica Rondolino. “L’Italia purtroppo non va bene, Rondolino!” – erompe Giordano – “Ma dove cazzo vivi? Ci sono 4 milioni di poveri!”. “Oh, poverini” – commenta la firma dell’Unità – “4 milioni è sempre meglio di 5 milioni. Sono calati”. “Tu non li vedi, Rondolino, perché sei scemo”, chiosa il direttore del tg4

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Luca, Fico (M5S): “Chiederemo la sfiducia del governatore”

next
Articolo Successivo

Veltroni replica alla Santanchè: “Collaborare gratis con Ciak? Solo se me lo chiedesse il direttore”

next