Sulla famosa aria popolare “Or, se a ascoltar mi state” (canzone di anonimo sul delitto Matteotti), che così recita:

Or, se a ascoltar mi state,
canto il delitto di quei galeotti
che con gran rabbia vollero trucidare
il deputato Giacomo Matteotti.
Erano tanti:
Viola Rossi e Dumin,
il capo della banda
Benito Mussolin
(Anonimo, 1924)

Ho, parafrasando, introdotto parole “popolaresche” su quello che considero il “delitto Marino”. L’invettiva della canzone è diretta anche qui contro i “cospiratori” (o congiurati che dir si voglia) che  con un colpo di mano hanno decretato la fine del politico di turno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, manovre e divieti Pd: dalla nuova giunta Crocetta saltano subito 2 assessori

next
Articolo Successivo

Corte Costituzionale e M5S: l’onestà è importante, la coerenza pure

next