Ettore Messina è il nuovo allenatore della Nazionale italiana di basket. Lo ha reso noto la Federazione italiana pallacanestro (Fip) in un comunicato che conferma la rescissione consensuale avvenuta tra l’ex ct Simone Pianigiani e la Fip. L’intesa è stata raggiunta oggi dal presidente federale Gianni Petrucci e dall’attuale assistant coach della squadra Nba dei San Antonio Spurs, che sarà presentato alla stampa in Italia all’inizio dell’anno prossimo.

L’accordo, valido per il torneo pre-olimpico di luglio e per l’eventuale partecipazione dell’Italia del basket ai Giochi Olimpici di Rio nell’agosto 2016, sancisce il ritorno di Messina in azzurro: dal 1992 al 1997 ha diretto 105 partite vincendo la medaglia d’argento agli Europei del 1997, la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo nel 1993 e ha conquistato il secondo posto ai Goodwill Games nel 1994. “Sono onorato e orgoglioso – ha detto il nuovo ct – di avere l’opportunità di tornare a vestire la maglia azzurra. Mi auguro di poter dare una mano ai nostri ragazzi per poter raggiungere un obiettivo così importante per noi e soprattutto per i tanti tifosi che hanno seguito con entusiasmo gli ultimi campionati europei”. In quell’occasione l’Italbasket di Danilo Gallinari e Marco Belinelli è stata eliminata dalla Lituania ai quarti di finale.

Ora l’obiettivo della Fip è quello di centrare la qualificazione alla prossima Olimpiade brasiliana e, per farlo, ha puntato tutto sul tecnico catanese, tra gli allenatori europei più vincenti e divenuto il 26 novembre 2014 il primo vice allenatore non statunitense della Nba. Con Messina “è come se non ci fossimo mai lasciati – commenta il presidente Petrucci – perché il nostro rapporto umano è continuato anche in questi anni. Il nostro sogno di andare all’Olimpiade è ancora vivo e ora, grazie alle qualità di uno dei migliori tecnici al mondo abbiamo un ulteriore motivo per essere fiduciosi”. “.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nobel per la pace 2016, Caterpillar (Radio2) rilancia la candidatura della bici

prev
Articolo Successivo

MotoGp Valencia: auguri Valentino

next