Ha scaricato i filmini porno dal computer del padre, li ha salvati sulla Playstation e poi li ha portati a scuola per farli vedere agli amici. Ora il papà è indagato per corruzione di minore. E’ successo in una scuola elementare in provincia di Rimini: durante la ricreazione un bimbo di 9 anni ha mostrato ai compagni di classe i video a luci rosse. In uno di questi, secondo alcune indiscrezioni, si vedrebbe anche il padre in atteggiamenti sessuali.

Le insegnanti dopo aver scoperto la situazione, hanno fatto una segnalazione alla polizia e poi alla Procura della Repubblica. La magistratura ha aperto un fascicolo d’indagine a carico del genitore sulla base del’articolo 609 sulla corruzione dei minori. La squadra Mobile in corso di indagine (vi sarebbe anche un’ipotesi di maltrattamento in famiglia) ha eseguito una perquisizione a casa del padre e ha sequestrato il computer e il telefonino del genitore, per cercare di capire come il minore sia riuscito a copiare i video su un dispositivo che ha poi portato in classe.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma province, Emilia o Romagna? Comacchio deve decidere dove stare. Ma i cittadini avevano già scelto

next
Articolo Successivo

Parma, ritardi referendum asili. Difensore civico: “Rischio di ledere diritto a partecipazione popolare”

next