Lapo Elkann sponsor del fisco italiano. Il nipote dell’avvocato Agnelli e fratello del presidente di Fiat Chrysler si è dichiarato orgoglioso di pagare le tasse nel nostro paese: “Ho l’Italia tatuata sulla pelle. Sono nato in America, ma a 18 anni ho fatto l’alpino-paracadutista in Italia, ho qui la residenza e ho scelto di pagare le tasse in Italia e ne sono orgoglioso“, ha detto in occasione della consegna del Premio Leonia Frescobaldi per l’Audacia 2015, conferito a lui, a Samantha Cristoforetti, Sandra Savaglio, Fabio Zaffagnini e Lorenzo Cogo.

Il fondatore di Italia Independent ha poi aggiunto che “l’Italia ha una energia gigantesca. Quello che mi auguro è di potere aiutare i giovani a fare di più. Con l’energia che emana questo Paese, si può fare di più”. E ancora: “Non è un Paese in difficoltà, anzi, è una grande possibilità, ma bisogna saperla amare, proteggere e vendere nel migliore modo possibile a livello internazionale. Io ho avuto la fortuna di scegliere una squadra che mi permette di potere fare tutto ciò”.

Elkann, che con la sua società Garage Italia Customs si occupa anche di personalizzazione estetica di auto, moto e barche, ha infine raccontato un aneddoto sulla sua infanzia: “I motori sono la più grande passione che ho da quando sono nato. Quando ero nella culla volevo le chiavi della macchina per stare tranquillo. Scorre nel mio sangue e ne ho fatto una professione”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rcs, l’ex numero uno Jovane diventa amministratore delegato di Banzai

next
Articolo Successivo

Safilo, sequestrati 1,1 milioni e una Ferrari all’ex numero uno: “Ha abusato di informazioni privilegiate”

next