Una cameraman delle televisione ungherese N1TV è stata filmata da un altro giornalista mentre volontariamente faceva lo sgambetto a un migrante con in braccio un bambino,  entrambi in fuga dalla polizia. La videooperatrice, di nome Petra Lazlo, è stata immediatamente licenziata dalla sua emittente.

Il fatto è stato denunciato da un camerman tedesco che ha documentato tutta la scena. La vicenda è avvenuta nei pressi di Roske, un villaggio vicino al confine con la Serbia. . Il video è confuso ma non ci sono dubbi: la giornalista ungherese  sgambetta l’uomo di una certa età con in braccio il bambino; i due erano quasi riusciti a scappare dalla cariche della polizia insieme a molti altri migranti. Una volta a terra la donna tira un calcio al piccolo.  Tutta la zona in questi giorni è piena di migranti: proprio ieri, infatti, un centinaio di persone sono fuggite dal campo di registrazione di Roske dirigendosi a piedi verso la vicina Szeged, lungo la ferrovia. Un altro gruppo, invece, ha provato a raggiungere Budapest distante 180 km, camminando in autostrada.

“la N1TV considera inaccettabile l’accaduto. Il nostro rapporto di lavoro con la videooperatrice è chiuso. Da parte nostra consideriamo chiuso il caso” è stato il comunicato dell’emittente telesiviva, vicino al partito di estrema destra di Jobbik. La decisione è stata presa dopo che il canale era stato inondato da molte proteste.

Ad aumentare ulteriormente la tensione in Ungheria è stato un manifesto comparso alle stazioni dei bus: avvisa di fare attenzione al rischio contagio di malattie trasmesse dai migranti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brasile, il ritorno degli squadroni della morte

prev
Articolo Successivo

Las Vegas, volo British Airways prende fuoco in pista prima del decollo (FOTO)

next