Gli abitanti della striscia di Gaza hanno voluto ricordare con una statua di sabbia Aylan Kurdi, il bambino siriano morto il 3 settembre sul litorale vicino a Bodrum, in Turchia.

Su una spiaggia è comparsa una scultura di diversi metri che rappresenta il piccolo, sdraiato a terra e vestito con pantaloncini blu e maglietta rossa. Proprio come nella foto che ha fatto il giro del mondo.

E la scelta del luogo non è casuale: più o meno nello stesso punto, il 17 luglio 2014, durante un’offensiva israeliana quattro bambini palestinesi rimasero uccisi da un missile mentre giocavano a pallone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isis: potenze europee pronte alla guerra. E l’Italia sta a guardare

next
Articolo Successivo

Tsitsaneide 2015: qui Grecia, dove sta fallendo la polis

next