E’ stato distrutto il tempio di Bel, edificio più importante del sito archeologico di Palmira. Immagini riprese dal satellite hanno mostrato la distruzione del simbolo dell’antica città siriana. L’Istituto Onu per la formazione e la ricerca (Unitar) ha smentito così il capo dell’autorità che sovrintende ai beni archeologici in SiriaMaamoun Abdelkarim, citato dalla Bbc, che ieri aveva negato la distruzione del tempio. 

“Possiamo confermare – ha spiegato in una nota l’Unitar – la distruzione dell’edificio principale del tempio di Bel e di una fila di colonne nelle immediate vicinanze”. Il tempio babilonese dedicato a Bel (“il Signore”), consacrato tra il 32 e il 38 d.C., era considerato il simbolo di Palmira ed è il secondo ad essere distrutto dal sedicente Stato islamico, dopo quello di Baalshamin.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondo arabo: la vita dei gay tra violenza, isolamento e discriminazione

next
Articolo Successivo

Migranti, migliaia a Budapest: chiusa stazione per disordini. Il governo: “Colpa della Merkel”. E invia 3mila soldati al confine

next