Più di 135 miliardi spesi dalla pubblica amministrazione per finanziare l’acquisto di beni e servizi: dalla carta alla benzina fino al pagamento delle bollette dell’energia elettrica e dell’acqua. Per la precisione si tratta di una spesa pari a 135,3 miliardi di euro solo nel 2014, con una crescita di ben 14,2 miliardi, e cioè l’11,7 per cento, rispetto a tre anni prima, quando la stessa voce si fermava a 121 miliardi. Tutte cifre contenute nella relazione della Corte dei conti sugli andamenti della finanza territoriale. Dalle cui emerge che il totale dei pagamenti effettuati dalle strutture pubbliche negli ultimi anni è aumentato in modo costante, passando dagli 821 miliardi del 2012 agli 838,1 dello scorso anno.

A crescere, secondo i magistrati contabili, sono state soprattutto le spese per beni e servizi delle aziende sanitarie, arrivate a 78,5 miliardi con un aumento del 17,3%, e quelle degli enti locali, che hanno raggiunto i 33,9 miliardi (+11,5%). I trasferimenti agli enti di previdenza, infine, sono aumentati da 309 a 318 miliardi e quelli alle Regioni da 131 a 139 miliardi.

aggiornato da redazioneweb alle 18:29

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Debito pubblico, a giugno giù a 2.203 miliardi: 14,6 in meno rispetto al record

prev
Articolo Successivo

Istat: “Pil su dello 0,2% nel secondo trimestre”. Confindustria: “Non c’è ripartenza”

next