Monica Maggioni, milanese, classe 1964, è il nome scelto per la presidenza della Rai. Direttrice di RaiNews24 dal gennaio del 2013, nel corso della sua carriera ha seguito da giornalista il conflitto iracheno. Ma ha anche moderato a suo tempo il confronto tra Luigi Bersani e Matteo Renzi per le primarie del centrosinistra su Rai1 nel 2012. Ed è stata anche tra le candidate alla poltrona del Tg1, direzione poi andata a Mario Orfeo. Come direttore della rete all news di servizio pubblico ha sfidato con un editoriale l’Isis decidendo di non trasmettere più i loro filmati: “Vedete, ormai si è trasformato in una sorta di Hollywood del terrore. I loro filmati sono studiati. Ogni comunicato viene fatto con una regia sapiente. Noi non vogliamo diventare parte della loro propaganda”.

Dopo aver conseguito la laurea in Lingue e letterature straniere moderne all’Università Cattolica di Milano e un master di giornalismo radiotelevisivo, ha collaborato con Il Giorno. Giornalista professionista dal 1995 ha collaborato con il canale satellitare Euronews e poi è stata assunta in Rai, dove ha lavorato prima a Tv7 e poi per anni al Tg1, oltre ad aver condotto alcune edizioni di Unomattina Estate. Del Tg1 è stata conduttrice e inviata all’estero; tra i Paesi in cui ha effettuato reportage: Sudafrica, Mozambico, Medioriente, Stati Uniti, ma soprattutto è stata in Iraq al seguito delle truppe americane nella seconda guerra del Golfo.

Tra il 2000 e il 2002 ha seguito le fasi più violente della seconda Intifada e raccontato il conflitto tra israeliani e palestinesi. Dopo l’11 settembre 2001 ha seguito le reazioni mediorientali all’attentato al WTC e ha viaggiato tra territori palestinesi e Libano. Poi, negli Usa da ottobre a dicembre, ha realizzato una serie di inchieste sull’eversione interna americana. Nel 2003 è stata l’unica giornalista italiana embedded in Iraq, cioè aggregata all’esercito statunitense durante la seconda Guerra del Golfo. Per tre mesi ha vissuto con i militari americani durante l’avanzata di terra dal Kuwait verso la capitale irachena. Dal maggio 2003 è arrivata a Baghdad e ha iniziato una copertura regolare delle vicende irachene fino al gennaio 2005. Tornerà in Iraq nel 2007. Dal 2008 si è trasferita negli Usa dove ha seguito la campagna elettorale che ha portato all’elezione del presidente Barack Obama. In questi anni ha continuato ad occuparsi di guerre e di crisi in giro per il mondo, dalla Birmania all’Africa, all’Afghanistan dove è tornata nel luglio 2009 con i marines. Ha viaggiato nel Nord Uganda per raccontare le vicende dei bambini soldato vittime di Joseph Kony.

Nel 2009 è diventata caporedattore centrale della Redazione Speciali del TG1: ha curato l’ideazione e la realizzazione degli approfondimenti storici del TG1 e ha condotto Speciale TG1, in onda la domenica in seconda serata. Nel 2010 e 2011 ha realizzato due documentari presentati alla Mostra del Cinema di Venezia: Ward 54, premiato a Biarritz con il Prix Mitrani, e Out of Teheran. Nel 2013 è diventata direttore del polo all news della Rai che comprende Rainews24, Televideo e Rainews.it. Nel suo ultimo intervento in commissione di Vigilanza, parlando della riforma delle news, Maggioni dava luce verde al piano per l’informazione messo a punto dal direttore generale Luigi Gubitosi: “Non è una riforma mia, non l’ho scritta io, non è quello che forse avrei pensato”, premetteva, rispondendo alle domande dei parlamentari a San Macuto. “Ma finalmente ci si muove e uscire dell’immobilismo è fondamentale in questo momento per la Rai. Restare fermi è decidere che la Rai deve essere sempre più residuale, usare le risorse dei cittadini per farsi concorrenza all’interno, perchè avere quattro strutture di news concorrenziali e non coordinate vuol dire concorrenza interna”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Droghe: appunti sparsi sul perché non ne capiamo nulla

next
Articolo Successivo

Rai, la vittoria della conservazione

next