Da ieri è tornato libero, dopo che il giudice di Roma gli ha revocato gli arresti domiciliari. Oggi, però, la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Gabriele Paolini, il più noto dei disturbatori televisivi, già coinvolto in un’inchiesta per prostituzione minorile, in cui erano state sequestrate alcune fotografie con adolescenti. Questa volta Paolini è accusato di violenza sessuale aggravata e interruzione del pubblico servizio: aveva costretto una giornalista del Tg1 ad interrompere la diretta televisiva, palpeggiandola continuamente. Si tratta della diretta andata in onda il 16 ottobre del 2011 da piazza San Giovanni a Roma.

Il procedimento nasce da una denuncia della stessa giornalista Rai: Paolini, dopo essersi avvicinato alla cronista avrebbe pure inveito nei confronti del direttore della Rai e gesticolato, facendo il segno delle corna, così da costringere la redazione, da studio, a interrompere il collegamento. Il filmato della diretta sarà mostrato in aula il prossimo 10 novembre quando il gup Anna Maria Gavoni dovrà decidere se rinviare a giudizio o meno l’indagato.

Già condannato a sei mesi per molestie nei confronti di tre giornalisti Mediaset, Paolini era stato arrestato il 10 novembre del 2013 dai carabinieri della Capitale: era accusato di aver pagato ragazzi minorenni per fare sesso con loro. “Siamo fidanzati da otto mesi. Ci amiamo, mi ha presentato anche sua madre e lui ha conosciuto i miei”, era stata l’autodifesa del disturbatore televisivo, accusato di induzione della prostituzione minorile e produzione di materiale pedopornografico. Il 24 ottobre scorso il gup Donatella Pavone lo ha rinviato a giudizio dopo avere respinto la richiesta di rito abbreviato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Viareggio, scontro tra tir e auto su A12: morti due gemelli di nove mesi

prev
Articolo Successivo

Roma, seconda lettera con proiettile indirizzata al sindaco Marino

next