Abbiamo intervistato Pino Scotto, il cantautore metal che a 65 anni passa agevolmente dal palco agli schermi televisivi per dispensare la sua musica e i suoi coloriti consigli. Un impegno, il suo, che si fonde con la solidarietà. Scotto è infatti uno dei principali promotori del progetto Rainbow tramite il quale finanzia progetti umanitari in zone svantaggiate del pianeta. Scotto ha raccontato il suo progetto, scendendo poi nel dettaglio della sua attività musicale, senza dimenticare di lanciare invettive e moniti, tutti con un unico faro: la libertà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Letti ricoperti di gioielli, soldi bruciati, Ferrari sfasciate: le esagerazioni dei giovani milionari cinesi diventano un caso politico

next
Articolo Successivo

Emily Ratajkowski “ridacci i Marò, finiscila di nasconderli tra le minne!”. I commenti ironici degli italiani su Facebook (foto)

next