Se ne parla da anni e anni: John Travolta è gay? In fondo chi se ne frega, penseranno i più. Ma le preferenze sessuali dell’attore di Grease e La febbre del sabato sera, dopo decenni di chiacchiericcio hollywoodiano stanno per trasformarsi in una battaglia in tribunale.

Travolta dovrà affrontare in aula Douglas Gotterba, suo ex pilota e, a quanto pare, amante. Il casus belli è proprio la violazione di una clausola di riservatezza che Gotterba aveva ignorato quando, qualche anno fa, aveva raccontato al National Enquirer la lunga relazione tra i due, agli esordi degli anni Ottanta. Il primo incontro è datato febbraio 1981, e già nel settembre dello stesso anno era scoppiata la passione, durante un viaggio di piacere in Messico. Prima un bicchiere di vino, poi un massaggio e infine una notte di sesso. Gradita da entrambi, visto che nei seguenti sei anni il rapporto si era intensificato, con Gotterba che seguiva come un’ombra l’attore di Hollywood, il quale lo coinvolgeva, o almeno così dice l’ex pilota, in sessioni sessuali con donne e uomini.

Si sono visti l’ultima volta nel 1992, quando Travolta era già diventato il marito di Kelly Preston e frequentava assiduamente i centri Scientology (che sull’omosessualità ha posizioni molto dure). Durante l’ultima passeggiata sulla spiaggia, l’attore aveva ammesso di preferire ancora la compagnia maschile. Da lì più nulla, fino a quando Gotterba non aveva deciso di raccontare i dettagli del loro rapporto al National Enquirer. La sessualità di John Travolta è stata un tormentone ultradecennale sui giornali di gossip di tutto il mondo, ma lui ha sempre negato tutto, prendendo provvedimenti legali contro chiunque diffondesse le sempre più insistenti voci. Il 7 agosto comincerà la sfida in tribunale con Gotterba. E se le rivelazioni dell’ex pilota di casa Travolta fossero vere, si tratterebbe di un dolorissimo redde rationem tra ex amanti segreti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Adinolfi vs George Michael: “E’ ingrassato? La colpa è della marijuana”

next
Articolo Successivo

Dragon Ball, il film nelle sale italiane il 12, 13 e 14 settembre. La nuova avventura segna il ritorno di Freezer

next