Al cinema è di nuovo Dragon Ball mania. Il 12, 13, 14 settembre 2015 la Luckyred di Andrea Occhipinti porta in sala, per la prima volta in 3D, l’ultimo film con Son Goku: Dragon Ball Z – La Resurrezione di F. Sul sito www.dragonballzalcinema.it non sono ancora possibili le prenotazioni dei biglietti, e non ci sono nemmeno le sale in cui il film uscirà, anche se la distribuzione segnala che a breve verrà attivato il servizio online per un probabile e rapidissimo tutto esaurito.

La resurrezione di F – dove F sta per Freezer – è l’ultima prova cinematografica della serie Dragon Ball che va a riannodare i fili della storia lasciati dal precedente film Dragon Ball Z: La Battaglia degli dei (2013). Il nuovo titolo della lunghissima serie è scritto appositamente dal suo creatore originario Akira Toriyama che, secondo quanto dichiarato in un’intervista ad un quotidiano giapponese nel settembre 2014, si è occupato con grande attenzione anche dei dialoghi minori, ha avuto cura di aggiungere molte scene d’azione e un pizzico di divertimento in più. La nuova avventura vede il ritorno del ‘villain’ più amato/temuto dell’universo di Dragon Ball: Freezer.

Dopo il combattimento con Beerus il Distruttore, Goku e Vegeta si allenano sul suo pianeta, sotto la guida dell’assistente, Whis. Nel frattempo sulla Terra, dove regna di nuovo la pace, gli scagnozzi di Freezer, Sorbet e Tagoma, sono alla ricerca delle Sfere del Drago. Il loro obiettivo è quello di utilizzarle per far resuscitare Freezer così che possa vendicarsi contro Goku e i Saiyan. La nuova rinata forza di Freezer avanza verso la Terra, costringendo Gohan, Piccolo, Crilin e tutto il team a sfidare mille soldati. Goku e Vegeta si preparano ad affrontarlo per la resa dei conti, consapevoli che il suo potere adesso sia ancora più difficile da sconfiggere. Il rinato, e potentissimo Freezer, vuole però solo una cosa: la vendetta contro i Saiyan e la conquista del mondo.

Diretto da Tadayoshi Yamamuro e prodotto dalla Toei Animation e dalla 20th Century Fox, Dragon Ball Z: La resurrezione di F. è uscito in Giappone il 18 aprile 2015 e i biglietti per la sala sono stati assegnati grazie ad una lotteria. Successivamente il 18 giugno il film è uscito in Brasile, il 29 giugno in Francia, e il 4 agosto prossimo sarà sugli schermi statunitensi e canadesi. I doppiatori giapponesi rimangono gli storici Masako Nozawa, per Son Goku e Son Gohan, e Ryūsei Nakao per Freezer.

Curioso che soprattutto su molti blog e forum italiani dove sono iscritti numerosi fan del manga nato nel novembre 1984, secondo in termini di vendite solo a One Piece di Eiichiro Oda con 159.500.000 di volumi venduti nel mondo, Dragon Ball Z: La resurrezione di F. è già finito sul banco degli imputati per almeno un paio di elementi narrativi ritenuti, tavole e spiegazioni del passato alla mano, poco credibili. L’incongruenza più criticata di tutte sembra essere proprio la resurrezione di Freezer. Come anticipato prima del film in una pubblicazione di V Jump per invogliare i lettori/spettatori a saperne di più del lungometraggio, Freezer, morto da circa un decennio, torna in vita; quando, invece, sostengono alcuni fan, in Dragon Ball Z chi è morto da un anno non può essere riportato in vita. Inoltre Freezer ritornerebbe al mondo non con il suo corpo integro bensì tagliato a cubetti, quando si sa che tutte le persone resuscitate da Shenron hanno sempre riacquisito il proprio corpo al pieno delle funzionalità. Questioni di lana caprina per i profani, ma che nel mondo dei manga potrebbero risultare fatali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

John Travolta, dopo le rivelazioni gay del suo ex pilota, l’attore costretto alla battaglia in tribunale

next
Articolo Successivo

Rocco Siffredi lancia la sua “Accademia del porno”. Il suo ex ‘collega’ Malcom: “Oggi l’hard non rende più e il fisico conta più delle misure”

next