Presentato in anteprima nazionale da Eataly Smeraldo a Milano, esce il 7 luglio in libreria “Leonardo non era vegetariano. Dalla lista della spesa di Leonardo alle ricette di Enrico Panero”, un viaggio storico culinario che porta in tavola i piatti composti con le pietanze di Leonardo da Vinci. Provocatoriamente gli autori del libro hanno sfatato il (falso?) mito che annoverava il genio toscano nelle fila vegetariane.

Incalzato dalle domande di Oscar Farinetti, il critico Alessandro Vezzosi (direttore del museo ideale Leonardo da Vinci) ha spiegato come, partendo dalle liste della spesa e da altri documenti attribuiti a Leonardo, si sia arrivati a stabilire che non fosse vegetariano. Vezzosi, sempre rispondendo a Farinetti, ha poi spiegato che “Leonardo è stato assolto dall’accusa di sodomia e conosceva il rapporto sessuale con la donna”. Insomma la sua alimentazione non è l’unica cosa ad essere stata messa in dubbio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dan Bilzerian, il pokerista e “filantropo sessuale” si candida alle presidenziali Usa 2016 (video)

prev
Articolo Successivo

San Firmino 2015, secondo giorno delle corse dei tori a Pamplona (FOTO)

next