Dal 9 al 12 luglio, Chieri (Torino) ospita il Festival Internazionale dei beni comuni, una manifestazione culturale che ha lo scopo di promuovere un  nuovo modello di collaborazione tra cittadinanza e amministrazione pubblica, per la partecipazione nel governo e nella cura dei beni comuni. Partecipano diversi protagonisti del mondo scientifico e culturale, oltre agli attivisti dei movimenti sociali per i beni comuni di tutta Europa e le associazioni locali che con le pratiche quotidiane interpretano, talvolta senza saperlo, la filosofia dei beni comuni.

Quattro giorni ricchi di incontri, con ospiti italiani e internazionali, tavole rotonde, musica, teatro, arte, cinema, laboratori per bambini, workshop e performance per interrogarsi sulle forme del vivere e del produrre in comune. Tra gli ospiti principali: Stefano Rodotà, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky, Marco Travaglio, Marco Paolini, Gianni Vattimo, Giovanni Sollima, Carlo Freccero, Vandana Shiva e Carlo Petrini. Ogni giorno inoltre verranno programmate proiezioni in anteprima di una selezione di pellicole d’autore come  “Art War”, “Waiting for Europe”, “Je suis Simone” e “Kommunisten” presso il Cinema Splendor.

Venerdì 10 luglio il Festival ospita la prima data in suolo italico del live “Two Friends, A Century Of Music” di Gilberto Gil e Caetano Veloso, che tornano a esibirsi insieme sul palco dopo oltre vent’anni. Sabato 11 luglio, invece, il Maestro Giovanni Sollima, insieme con Enrico Melozzi, presenteranno il concerto “10% di 100 Violoncelli”, una riduzione del progetto “100 violoncelli” e a seguire ci sarà il reading “Fontamara” di Ignazio Silone con gli attori Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano.

Il Festival si chiude domenica 12 luglio con “Slurp!”,  il nuovo spettacolo teatrale di Marco Travaglio con la regia di Valerio Binasco e la partecipazione di Giorgia Salari. Sul palco, il direttore del Fatto Quotidiano analizzerà il rapporto fra l’universo dei mezzi di comunicazione e gli organi di potere. Lo stesso giorno si potrà assistere anche a  “Tutto il nostro folle amore”, una performance inedita del regista e attore Marco Paolini insieme col regista Davide Ferrario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PADRINI FONDATORI

di Marco Lillo e Marco Travaglio 15€ Acquista
Articolo Precedente

Disabili: gli invisibili e i falsi invalidi

next
Articolo Successivo

I Beni comuni spiegati da un vicesindaco: “Se vogliono riempirmi il Comune di antenne, non ho i mezzi per fermarli”

next