Lesbiche e violenza nelle relazioni di intimità, il tema è stato sempre poco indagato. Recentemente i centri antiviolenza hanno sentito l’esigenza di fare una riflessione e un approfondimento sul fenomeno con l’obiettivo di favorirne l’emersione.

D.i.Re ha scelto di fare formazione sul tema e il 26 giugno scorso a Bologna, in collaborazione con ArciLesbica Nazionale si è svolto l’incontro Broken Rainbow, Violenza e discriminazione a carico delle lesbiche e sulla violenza agita nelle relazioni di intimità tra donne con gli interventi di Lepa Mladjenovic fondatrice del Centro antiviolenza e del Gruppo counselling per lesbiche di Belgrado e di Giovanna Camertoni del Centro AntiViolenza Trento che spiega: “Il fenomeno della violenza agita all’interno delle relazioni di intimità tra persone dello stesso sesso risulta inoltre scarsamente indagato, spesso ridotto a mero conflitto o ritenuto inesistente da parte delle stesse lesbiche. Le strategie di occultamento della violenza maschile sulle donne sono le stesse che agiscono nei confronti del lesbismo e i messaggi che noi produciamo per contrastare tale fenomeno possono involontariamente contribuire a consolidare l’idea che tra persone “pari” (quali possono essere due donne o due uomini) questo fenomeno non esista, silenziandolo ulteriormente a discapito di chi ne è vittima”.

Il problema non può essere affrontato senza inquadrarne le problematiche nel contesto culturale fortemente fondato sulla eteronormatività che rimuove, emargina e stigmatizza l’omosessualità e la rende invisibile. Scoprirsi lesbiche nella nostra società vuole dire a volte affrontare un momento drammatico di confusione e avere un vissuto di anormalità, l’incontro con l’altra donna che si dice lesbica e che si assume questa identità è uno strumento di visibilità che rafforza l’identità di entrambe.

L’impatto della violenza all’interno di una relazione così fortemente fondante per il senso di sé può avere pesanti conseguenze psicologiche su chi la subisce e anche rendere più difficile lo svelamento di una violenza che viene perpetrata da una donna su un’altra donna, tra soggetti “pari”. E’ importante far emergere il fenomeno e sarà interessante esplorarne le interconnessioni con la violenza maschile sulle donne e avere una conoscenza più ampia del problema del maltrattamento nelle relazioni di intimità.

@Nadiesdaa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Family Day, la piazza che colpevolizza le donne e giustifica il femminicidio

next
Articolo Successivo

Facebook, nuova icona per la richiesta d’amicizia: il femminismo bianco, ricco e inutile di Zuckerberg

next