Le milizie curde riprendono il controllo di Kobane. La città al confine tra Turchia e Siria era stata nuovamente attaccata e riconquistata dall’esercito dello Stato islamico, che era tornato ad avanzare dopo cinque mesi di ritiro forzato. Nelle scorse ore, però, è arrivata la controffensiva dei soldati curdi dell’Ypg, le unità di protezione del popolo curdo. A confermare la ripresa della città siriana di Kobane, che ha una popolazione a maggioranza curda, è l’emittente al-Arabiya, citando come fonte alcuni attivisti locali.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani è salito a 174 il numero dei morti lasciati sul terreno dai soldati dello Stato islamico prima di battere in ritirata e lasciare la città.  Dal portale web dell’osservatorio, si apprende che negli scontri per la riconquista di Kobane hanno perso la vita anche 54 miliziani dell’Isis, mentre sono 16 i curdi dell’Ypg morti in battaglia. I feriti, invece, sono almeno 200, in larga parte tra la popolazione civile.

Secondo attivisti curdi, citati dall’agenzia di stampa Xinhua, durante i bombardamenti i combattenti curdi hanno anche fatto saltare in aria la sede di Medici senza Frontiere, che era occupata dai soldati dell’Is.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Isis: le stragi di Tunisi, Lione, Kuwait. Conflitto di tutti contro tutti?

prev
Articolo Successivo

Attentato Tunisia, governo chiude 80 moschee. Via i turisti, economia in crisi

next