La polemica va avanti da mesi. O forse addirittura dalla fine del Mondiali di calcio del 2014. La vulgata parla chiaro: Rio de Janeiro non sarà pronta ad accogliere le Olimpiadi che si terranno la prossima estate. Sui ritardi nei lavori, del resto, si è scritto tanto: reportage, inchieste e servizi giornalistici della stampa di mezzo mondo. A giudicare dalle fotografie scattate dall’alto, di sicuro sarà corsa contro il tempo. Il villaggio olimpico e gli stadi, del resto, non sembrano in dirittura d’arrivo. Ma manca ancora un intero anno e, così come capitato per la massima competizione calcistica globale, il giorno dell’inaugurazione tutto o quasi potrebbe essere pronto. Diverso, completamente diverso, invece, il discorso su cosa ne sarà delle strutture una volta che la fiamma olimpica sarà stata trasferita a Tokio per la kermesse del 2020. Ma questa è un’altra storia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, la lezione più bella del baby calciatore

next
Articolo Successivo

Roma 2024, l’Assemblea capitolina dice sì alla candidatura per ospitare Olimpiadi

next