incidente-stradale 240Con l’approvazione al Senato del ddl sull’omicidio stradale siamo a un passo dal riconoscimento di un’importante battaglia di civiltà. Siamo a un passo da quella che forse può essere considerata in questo momento la più significativa delle risposte alla strage stradale. Una notizia che richiama moltissima attenzione.

Siamo a un passo da uno scatto in avanti storico, inevitabilmente storico, a fronte di anni passati a parlare di morti ineludibili. Ieri parlavamo di fatalità, oggi parliamo di responsabilità. La strada è stata lunga: lo sanno bene i familiari delle vittime, così le associazioni Lorenzo Guarnieri e Gabriele Borgogni che con Asaps sono arrivate a raccogliere – da quel 1 giugno 2011 quando partì la raccolta firme – oltre 80.000 adesioni e che oggi commentano insieme la notizia, come si può leggere sul sito dell’Asaps.

Ma il momento è prezioso forse non solo per l’importanza di questo passo in avanti da parte delle istituzioni: è prezioso anche perché potrebbe essere l’occasione per chiedersi quanto è preparata la società. Quanto è alta l’attenzione sulla portata complessiva della strage stradale? È acquisita o no la consapevolezza dei rischi, delle cause e degli effetti? Sappiamo o no che questa battaglia riguarda tutti? Che discutiamo di interventi perché tutelino tutti?

Sono gli stessi familiari di vittime e associazioni a sottolineare che per un intervento legislativo importante non possono mancare una fitta rete di controlli e campagne di prevenzione ed educazione. Perché è una battaglia che va condotta su più fronti: è il quadro complessivo, il punto di vista.

L’approvazione del testo al Senato è importante perché risponde a una richiesta di giustizia che da anni familiari di vittime e associazioni portano avanti con fermezza e coraggio. Si attende ora che il testo arrivi alla Camera. Su questo fronte, manca ancora un passo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia capitale, Buzzi “assumeva” politici nei municipi: Forza Italia fa il pienone

next
Articolo Successivo

Mafia Capitale, da Buzzi 5mila euro alla fondazione di Renzi e 15mila al Pd

next