La rinuncia alla causa di lavoro in cambio di un nuovo contratto, ma a tutele crescenti. Che andrebbe a sostituire quello precedente, assistito invece dalla tutela dell’articolo 18. E’ la proposta fatta a 54 lavoratori dell’archivio Bnl di Pratica di Mare da Italarchivi, la nuova società che si è aggiudicata la gestione del servizio al posto della Scai service. Finora, nonostante diversi avvicendamenti, i dipendenti che da un ventennio gestiscono l’archivio generale erano sempre stati confermati sulla base della clausola di salvaguardia prevista in caso di subentro nell’appalto di una nuova azienda. Ma la Italarchivi sostiene di non essere subentrata a Scai service, bensì di offrire in outsourcing un lavoro che non ha alcuna continuità con quello svolto dal precedente fornitore.

Di qui la decisione di lasciare a casa, a partire dal 29 maggio, i dipendenti della società consortile. Che a quel punto si sono rivolti al giudice del lavoro accusando Bnl-Bnp Paribas di intermediazione illegittima di manodopera e appalto illecito e chiedendo che la banca li regolarizzasse. Sostengono infatti di aver sempre lavorato fianco a fianco con i 15 impiegati dell’istituto che lavorano nel centro vicino a Pomezia, svolgendo compiti simili ma a fronte di uno stipendio più basso. Secondo Giuseppe Martinelli, della rappresentanza sindacale aziendale di Filcams Cgil, “è vero che noi lavoratori eravamo impiegati nella gestione dell’archivio Bnl alle dipendenze di un azienda privata (la Scai service), ma di fatto rispondevamo direttamente alla banca, che remunerava l’appaltatore fittizio sulla base delle nostre prestazioni lavorative ricevute”.

Nel corso delle trattative, però, Italarchivi ha messo i 54 lavoratori davanti all’aut aut: li avrebbe confermati, ma solo a fronte della rinuncia al riconoscimento dei diritti vantati nei confronti dell’istituto di credito acquisito nel 2006 dal gruppo francese Bnp. “Ci ha convocati sul posto di lavoro, accompagnata da funzionari Bnl, asserendo che o rinunciamo alla causa o perdiamo il posto di lavoro”, racconta Martinelli. Lunedì e martedì i 54 che rischiano il posto hanno manifestato davanti alla sede Bnl di via Veneto, a Roma. Bnl-Bnp Paribas, contattata da ilfattoquotidiano.it, non ha voluto commentare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca assume altri mille operai e fa lo spot a Renzi

next
Articolo Successivo

Precari e stabilizzazione: menzogne italiche. Intanto l’Ue avvia una nuova procedura d’infrazione

next