“Il modello Rainbow è forse una piccola multinazionale tascabile, come Vittorio Merloni descriveva la sua Ariston qualche anno fa. Praticamente un modello che coniuga il meglio della narrativa e della grafica occidentale con degli stili giapponesi che hanno una valenza”. Così, Iginio Straffi, fondatore e presidente della Rainbow, descrive la sua azienda, lo studio d’Europa più grande dedicato alla produzione televisiva e cinematografica d’animazione e creatore delle Winx, le fatine famose in tutto il mondo. Il quartier generale, che il presidente del consiglio Matteo Renzi ha visitato in occasione della chiusura della campagna elettorale nelle Marche, si trova a Loreto, ma le sedi sono diverse. Negli studi di produzione di Roma della Rainbow Cgi. in zona Bufalotta, “dove si dà vita all’idea del produttore e del regista, lavorano tra i 70 e i 110 elementi che variano in base alla produzione – spiega Francesco Mastrofini, ceo della Rainbow Cgi –. Qui sono stati realizzati i film delle Winx e ‘Gladiatori in 3d‘”. “Ora puntiamo su un progetto su cui lavoriamo da 5 anni, Royal Academy, che all’inizio dell’anno prossimo saranno sulle reti Rai – conclude Straffi -. Purtroppo in questo settore sono più le difficoltà che i vantaggi in Italia, ma a un giovane, sebbene sia da incoscienti, se ha un sogno grande direi di provare”  di Chiara Carbone

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

[email protected], lo Shazam dei fiori: ecco come una app con una foto riconosce la flora

prev
Articolo Successivo

Free Social Market, a Roma fai la spesa al costo di 5 euro e una recensione sui social

next