Terza tappa di questo Girum 2015, da Rapallo a Sestri Levante che se si tirasse diritto sarebbero una ventina di chilometri, ma i 2,3 milioni pagati dalla Liguria per avere cinque giorni di corsa rosa hanno istigato gli organizzatori a scovare un tracciato fantasioso e dispettoso, allungato sino a 136 chilometri addentrandosi nell’aspro territorio di Val Fontanabuona, l’Appennino Ligure di Levante. Strade strette, tortuose, discese per fortuna riasfaltate di recente per il Giro, però la sostanza – ciclistica – non muta granché: gli strappi restano brevi e maligni, le altimetrie, piccole ancora, sono antipasti che non creano scompiglio: resta il fatto che pianura non ce n’è stata.

Da queste parti – che conosco assai bene: da ragazzo ci pedalavo con incoscienza – bisogna sempre stare attenti perché le discese sono infide: molte curve sono anche cieche, le infili senza capire fino a quando girano. Nell’ultima picchiata, quella di Barbagelata, poco dopo il Passo della Scoglina, al chilometro 95, ci rimette la faccia Domenico Pozzovivo: fa tutto da solo. In una curva a gomito verso destra perde aderenza la ruota anteriore della sua bici, tutto avviene così velocemente che non fa in tempo a coprirsi il volto con le mani. Ambulanza, direzione ospedale San Martino di Genova: trauma cranio-facciale con evidente ferita lacero-contusa, questo il primo referto. Fine del Giro per uno dei nostri migliori scalatori. L’anno scorso, ad agosto, si era fracassato tibia e perone. Scarogna nera.

Briciole di cronaca. Alla partenza sono 194. Appena dopo il via, bagarre. Fuggono in venticinque. Ci sono pezzi grossi come i belgi Philippe Gilbert e Tom Boonen, con loro c’è il Lamprotto Diego Ulissi che vuol provare la gamba e si è infilato nella fuga. Il gruppo lascia fare, ma poi non tanto: il vantaggio galleggia attorno ai due minuti. Al Gran Premio della Montagna di Barbagelata (1115 metri, seconda categoria) passa per primo il russo Pavel Kochetkov, Ulissi è a 25 secondi, Gilbert quinto a 36”. Il gruppo, trainato dalla Tinkoff di Alberto Contador e dagli Astana di Fabio Aru, è a 50”.

La discesa verso Sestri Levante è lunga, i fuggitivi vengono ripresi uno dopo l’altro, Kotchekov e Simon Clarke resistono sino a quattro chilometri dall’arrivo. Poi, volata. Guizzo vincente della maglia rosa Michael Matthews. L’australiano della Orica GreenEdge beffa Fabio Felline e Gilbert. Aru è dodicesimo, Contador diciannovesimo, Rigoberto Uran 42esimo. Franco Pellizotti busca oltre dieci minuti, stava male, crampi. Il nostro amico etiope Tsgabu Gebremaryam Grmay è 58esimo. Arriva sorridente insieme al gruppo dei migliori. Il suo nome compare in fondo alla prima pagina dell’ordine d’arrivo. Ma il balzo in classifica è strabiliante: a Genova era 114esimo, a Sestri Levante è 64esimo, il distacco è accettabile, per un esordiente: 2 minuti e 18 secondi dalla maglia rosa Matthews, in gran spolvero, che non ha concesso nulla ai rivali. La “sua” Orica GreenEdge occupa i primi tre posti della classifica generale.

Qualche altra piccola soddisfazione, comunque, il gioviale Tsabu se l’è presa. In classifica generale, per il momento, precede di una posizione addirittura Ulissi, sebbene i due abbiano lo stesso distacco da Matthews. Come tutti i giovani corridori, va a caccia dei fogli rosa (quelli della classifica), verdi (quelli dell’arrivo di tappa) e soprattutto i fogli bianchi della classifica generale che premia i migliori giovani: lì l’abissino Grmay è in cima, o quasi: undicesimo, dietro il compagno di squadra Jan Polanc. A dividere i due non è il tempo – è lo stesso per entrambi. Bensì l’età. Lo sloveno è nato il 6 maggio del 1992, nove mesi dopo l’etiope che è del 25 agosto 1991. È una graduatoria coi fiocchi: miglior giovane è infatti Matthews. Aru è terzo. Felline quarto. La grande promessa Davide Formolo è settimo. Insomma, la compagnia è assai nobile, la caratura preziosa. Beppe Saronni è l’accorto team manager della Lampre-Merida. Suo figlio Carlo è l’addetto stampa, gli assomiglia molto. Ha masticato ciclismo fin da piccolo: “Tsabu ha un bel carattere – mi dice – e ha molti margini di miglioramento. Per lui, la tappa più importante è sempre quella di domani. Va forte in salita e a cronometro. Ha ampi margini di miglioramento”.

Tsabu, quando è in Europa, vive a Lugano (come Ulissi, Nibali e Aru). Come tanti altri corridori che sono stati “adottati” dalla Svizzera italiana: penso ad Alberto Contador, Michael Rogers, Oscar Freire, Cadel Evans, Enrico Gasparotto, Damiano Cunego (che però è tornato a casa, nella Bassa Veronese)…la lista è lunga, i motivi tantissimi. Il Ticino è prediletto per la sua posizione geografica (e fiscale), per le sue strade, le salite, il clima. Un paradiso in tutti i sensi. Per i grandi professionisti del pedale. E per chi aspira a diventarlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pozzovivo al Giro d’Italia cade e sbatte la faccia. “E’ lucido e cosciente” (FOTO e VIDEO)

next
Articolo Successivo

Giro d’Italia 2015, a La Spezia Petacchi vuole tornare Jet

next