Audio e video che documentavano scambi riservati tra i componenti del Movimento 5 Stelle, senza escludere i due fondatori Grillo e Casaleggio. Tutto pubblicato su un sito che prometteva di inserirne altri, anticipando i contenuti a venire con “coming soon“. #la trasparenza…andrà di moda è lo slogan utilizzato da grillo-leaks.com, che risultava aggiornato fino al 30 aprile: sulla homepage gli hashtag #democraziadiretta, #onestà e #trasparenza. Tutti seguiti da un punto di domanda. Un sito che però è stato oscurato venerdì 8 maggio, giorno in cui il M5S l’ha denunciato alla Polizia Postale, come conferma il capogruppo al Senato Bruno Marton.

Oggi Repubblica ha trascritto i passaggi salienti di un audio pubblicato online e poi rimosso (sotto), che riproduce il confronto tra il comico e i deputati Massimo Artini, Marco Baldassarre (usciti dal Movimento) e Tatiana Basilio (ancora dentro). La registrazione risale al 27 novembre scorso, quando decine di attivisti erano andati a casa di Grillo a Marina di Bibbona per protestare contro l’espulsione di Artini e Paola Pinna. Motivo: falsa rendicontazione. Il voto era stato lanciato sul blog alla mattina e si era chiuso la sera stessa. Risultato: espulsi.

Grillo ammette di avere sbagliato a scegliere Messora e Biondo come capi della comunicazione. I suoi lo accusano di fidarsi delle persone sbagliate

Durissimi gli scambi che emergono dal file: gli attivisti lo accusano di fidarsi delle persone sbagliate e di “non rispondere al telefono”. E ancora, di non conoscere il polso della situazione e dei meet-up. Artini non risparmia nemmeno dei “vaffa” quando viene accusato di non essere stato trasparente. Alcuni parlamentari spiegano che per il Movimento stanno “divorziando”. E le risposte di Grillo, sintetizza Repubblica, toccano vari punti: quando gli dicono di circondarsi delle persone sbagliate spiega che loro fanno ridere

Poi ammette di avere sbagliato a scegliere Claudio Messora e Nicola Biondo come capi della comunicazione: “E’ stato un errore: a Messora non puoi dire niente, ma non aveva il carattere adatto. Anche in Europa. Abbiamo portato lui e alcuni parlamentari europei a Milano e a momenti si picchiavano”. E si va dalla difesa di Gianroberto Casaleggio (“Se non c’era lui, questo Movimento non esisteva”), all’ammissione che l’espulsione di Defranceschi è stata voluta da lui come quella di estromettere Artini – poi diventato responsabile del gruppo Alternativa Libera, che riunisce 10 fuoriusciti M5s – e Pinna (questa presa insieme a Casaleggio) perché “l’assemblea non voleva decidere”.

Grillo ai deputati: “Ad agosto ero venuto a dire di uscire dal Parlamento, perché ormai ci vedono come politici. Avete detto sì, è bello, lo facciamo, ma non avete fatto un cazzo”

Sulle rendicontazioni dice che “non le faccio più queste cose qui, abbiamo toppato anche questa. In Europa abbiamo lasciato perdere, altrimenti passiamo ore, giorni, mesi a parlare di questo”. Sbagliata anche la scelta di partecipare alle regionali in Calabria, dove sarebbe stato meglio non presentarsi. E’ preoccupato e sbotta perché “abbiamo perso troppo tempo con voi parlamentari, stiamo perdendo i giovani, il territorio“. E rinfaccia ai suoi di non avere fatto quanto concordato per mantenere il contatto con gli elettori: “Ad agosto – dice – ero venuto a dire di uscire dal Parlamento: un giorno alla settimana, prendere una sedia, una piazza, perché ormai ci vedono come politici. Avete detto sì, è bello, lo facciamo, ma non avete fatto un cazzo”.

Ma non c’è soltanto Grillo. La struttura della homepage del sito riproduce uno schema piramidale in cui al vertice ci sono Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, affiancati sulla stessa linea dal figlio, Davide Casaleggio. Sotto ci sono i deputati Carlo Sibilia– vincitore anche del “Premio perlone”, attribuito per le sue dichiarazioni su allunaggio, signoraggio e Bilderberg – Carla Ruocco, Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio e Roberto Fico – componenti del direttorio M5s – poi Roberta Lombardi, Vito Crimi e Giancarlo Cancelleri. E nell’ultima fila in basso alcuni senatori e deputati del Movimento. Per ognuno c’è una pagina dedicata, che include anche il numero di telefono (oscurato negli screenshot sopra). Per tutti c’è solo una ‘anticipazione’ scritta e la ‘promessa’: ‘Coming soon’. E Grillo scherza: “Hanno pubblicato il mio numero di telefono ma non mi sta chiamando nessuno. O c’è indifferenza totale o mi sto iniziando a preoccupare”.

Il sito ha pubblicato anche i numeri di telefono di Grillo, Casaleggio e di alcuni parlamentari. Il comico: “Non mi ha chiamato nessuno”

Secondo ‘grillo-leaks’, ad esempio, l’ex capogruppo al Senato Nicola Morra avrebbe detto: “Gli attivisti non contano un ca…o. Conta quello che decidono su a Milano“. O ancora a Roberto Fico, presidente della commissione di Vigilanza Rai, viene attribuita la frase: “Ma come non l’avete capito che comanda Gianroberto Casaleggio“. E ancora Grillo che avrebbe ammesso: “[sul blog] Io scrivo ogni tanto… Scrive Casaleggio, scrive Davide, scrive… Bene!”. Sulla pagina del cofondatore compaiono anche il bilancio, l’organigramma e la struttura degli uffici a Milano della Casaleggio Associati.

Ad Alessandro Di Battista il sito attribuisce le dichiarazioni: “Passo la settimana parlamentare ad aumentare i miei follower!” e “il Movimento 5 Stelle è un brand in calo. Dobbiamo aumentare i nostri sforzi per far cambiare il trend!”. Di Luigi Di Maio il sito scrive ‘”cittadino tra i cittadini” ma con tanta voglia di fare gli esami all’Università in privato…’, definisce Roberta Lombardi “Talpa del MoVimento 5 Stelle dal 2013” e Giancarlo Cancelleri “anche detto ‘Spallone’, con l’amico Walter Vezzoli”. E gli ideatori del sito – registrato col nome di Paolo Casta – invitano anche gli utenti alla “partecipazione diretta”: “Aiutaci a raccogliere altro materiale (proteggiamo le nostre fonti)! scrivici a info@grillo-leaks.com”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, chi vincerebbe con l’Italicum: al Pd ballottaggio e 340 seggi. Al M5s 102

next
Articolo Successivo

Pisapia, ora tutti vogliono il sindaco leader a sinistra: “Posso fare mediatore”

next