Un’altra tegola in arrivo per i conti pubblici italiani dopo la sentenza della Corte costituzionale sulla rivalutazione delle pensioni. Stavolta il mittente delle cattive notizie è Bruxelles: secondo l’agenzia Ansa, la Commissione europea è orientata a bocciare la cosiddetta reverse charge dell’Iva, cioè l’inversione contabile introdotta per alcuni settori dalla legge di Stabilità. Il verdetto non è ancora ufficiale e serviranno almeno due settimane prima che si concluda l’esame delle richieste di deroga al regime Iva presentate da Roma. Ma la bilancia ora pende verso un giudizio “non positivo”. E il probabile no, ventilato già a gennaio durante la missione a Roma dei tecnici della Commissione, obbligherà Palazzo Chigi e il Tesoro a scovare altri 700 milioni di euro. In caso contrario infatti scatterà una delle famigerate “clausole di salvaguardia” inserite nella manovra e per gli automobilisti arriverà una nuova stangata: l’aumento automatico delle accise su benzina e gasolio. Ma mercoledì il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha detto che “c’è l’impegno del governo a eliminare tutte le clausole di salvaguardia e dunque anche un aumento delle accise”.

Il meccanismo della reverse charge prevede che l’imposta sul valore aggiunto a venga versata all’Erario dagli acquirenti del prodotto e non più dai venditori, che così non vedono transitare l’imposta nelle loro casse, finiscono in credito e devono mettersi in fila per ottenere il rimborso. Nei mesi scorsi contro la novità sono saliti sulle barricate i fornitori della grande distribuzione, secondo i quali equivale a obbligare le aziende a finanziare lo Stato senza nemmeno ricevere in cambio gli interessi.

Che la Commissione e il Consiglio Ue (a cui spetta l’ultima parola sull’accoglimento delle domande) siano da sempre contrari a interventi di questo tipo è ben noto: nel 2006 anche Germania e Austria hanno incassato un rifiuto all’inversione, che confligge con la direttiva europea sull’Iva. E di recente anche la Romania si è vista respingere la richiesta. Al contrario, i tecnici di Bruxelles intendono concedere a Roma la deroga sul cosiddetto split payment, un altro meccanismo contabile anti-evasione che prevede il pagamento dell’Iva da parte degli enti pubblici direttamente allo Stato. Se il diniego si allargasse anche a quella norma, i soldi da trovare salirebbero a 1,7 miliardi. Oltre ai circa 10 necessari per rimborsare i pensionati danneggiati dalla norma Fornero bocciata dalla Consulta.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Buco pensioni, Consulta: “Sentenza già valida”. Governo pensa a rimborsi in Bot

next
Articolo Successivo

Elezioni Uk 2015, il referendum su uscita da Ue può costare all’Italia 1,4 miliardi

next