Cambio di programma a La7: l’ospite serale della trasmissione “8 e 1\2” sarà Maria Elena Boschi e non più, come previsto inizialmente, Nichi Vendola. A poche ore dall’approvazione definitiva della riforma della legge elettoraleLilli Gruber intervisterà il ministro per le Riforme e non il presidente di Sinistra ecologia e libertà e governatore della Puglia.

Dopo la comunicazione del cambio di programma, protestano dall’ufficio stampa di Sel. “Contrariamente a quanto annunciato ieri dall’emittente”, scrivono in una nota, “Nichi Vendola non sarà questa sera ospite della trasmissione 8 e 1/2. Al suo posto – a quanto ci è stato comunicato – il ministro delle Riforme Boschi. Ogni commento ulteriore sarebbe superfluo”. Nel pomeriggio a Montecitorio l’Italicum ha ottenuto il via libera definitivo. In Aula c’era solo il Partito democratico: M5S, Sel, Lega Nord e Forza Italia hanno deciso di non partecipare al voto in segno di protesta. Sessanta invece sono stati i “no” dei dissidenti democratici.

Il governatore della Regione Puglia intanto ha scritto una nota per replicare al presidente del Consiglio sulla vicenda del gasdotto Tap: “Il premier ha detto che finisce una barzelletta. Contro l’approdo a Melendugno del gasdotto si era pronunciato il ministero dei Beni culturali, contro quell’approdo si era pronunciato tutto il Salento e tutta la Regione Puglia, contro quell’approdo ci sono ottime ragioni scientifiche ambientali culturali. Evidentemente per Renzi la democrazia è una barzelletta. Noi reagiremo con tutti gli strumenti politici e legali contro questa violenza nei confronti della Puglia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italicum, Letta: “Renzi come Berlusconi”. Ma opposizioni verso il no a voto segreto

prev
Articolo Successivo

Campania, Caldoro si vanta della ‘banda larga’, ma non c’è wi-fi al palazzo della Regione

next