Lo choc è svanito in fretta. Prima ancora che l’odore chimico dei lacrimogeni abbandonasse l’aria e gli scheletri delle auto venissero rimossi dalle strade. Il giorno dopo il corteo anti Expo, Milano si ribella alle violenze e si mette a lavoro per spazzare via le tracce lasciate dalle devastazioni del blocco nero: un’ora di caos e danni ancora da quantificare. “C’è bisogno di trasformare la brutalità in senso civico”, dice a ilfattoquotidiano.it l’assessore ai lavori pubblici Carmela Rozza che domani, 3 maggio, parteciperà insieme a tutti i membri dell’amministrazione all’iniziativa organizzata dal Comune “Nessuno tocchi Milano”. L’appuntamento è alle 16 di fronte alla stazione della metro di piazzale Cadorna. “Tutti i cittadini sono invitati a scendere in strada per ripulire la città dai vandalismi compiuti da alcuni manifestanti. Domani ci concentreremo su quattro punti: l’istituto delle Orsoline e il Museo Archeologico in via De Amicis. Mentre in piazzale Cadorna e in piazza XXIV Maggio sarà presente anche l’Associazione antigraffiti. Ai volontari verranno forniti pennelli e guanti”.

L’appello di Palazzo Marino nasce dopo che già ieri, nel giorno delle devastazioni, molti commercianti e residenti delle zone più colpite dagli incidenti (via De Amicis, via Carducci, via Buonarroti, via Pagano) hanno ripulito i marciapiedi raccogliendo i vetri dei negozi sfasciati e l’immondizia. “Ho apprezzato molto questi gesti volontari e voglio ringraziare tutti i milanesi – dice Rozza – ma bisogna che il volontariato abbia un minimo di organizzazione. Quello di domani non sarà l’unico appuntamento in programma, gli interventi di pulizia verranno compiuti anche lunedì prossimo e sabato”.

Ma oltre agli interventi di pulizia, il Comune ha deciso di dare un contributo ai cittadini che hanno subito danneggiamenti. Mentre tra ieri e oggi un centinaio di uomini tra i tecnici dei Lavori Pubblici, operatori del Nucleo di intervento rapido, dell’Amsa, del Nucleo Intervento Rapido e i vigili del fuoco hanno avviato la messa in sicurezza dei negozi e degli edifici che hanno subito i danni maggiori e sostituito i cartelli stradali divelti. “La nostra – prosegue Rozza – è una chiamata all’impegno civico da parte dei milanesi che dopo i fatti del primo maggio sono molto arrabbiati e allo stesso tempo determinati a dare una risposta civile alle devastazioni compiute da dei delinquenti”. Perché “insieme – aggiunge il sindaco Giuliano Pisapia – possiamo dare un forte segnale di civiltà e dimostrare il vero volto della nostra città che non si lascia intimorire”. E lancia un appello anche al segretario della Lega Nord Matteo Salvini: “Dia un segnale forte – dice il sindaco al Tgr Lombardia – e venga anche lui ad aiutare la nostra comunità a ripulire quel pezzo della nostra città che è stato sporcato”. Il leader del Carroccio aveva accusato il primo cittadino di “coccolare” l’ambiente da cui nasce la violenza. “Salvini purtroppo coccola invece coloro che forse volevano il sangue e distruggere la nostra città, com’è accaduto in altre parti d’Italia, in passato ma anche di recente”.

Ma il centrodestra milanese ha invece deciso di disertare l’iniziativa. Davanti alla “guerriglia urbana a cui abbiamo dovuto assistere ieri a Milano, cittadini, istituzioni e autorità preposte all’ordine pubblico devono chiedersi chi ha permesso che la nostra città si trasformasse in uno scenario di guerra. La risposta è chi per anni ha tollerato e strizzato l’occhiolino ad antagonisti e centri e sociali”, commenta Giulio Gallera, coordinatore cittadino Forza Italia che punta il dito contro il sindaco e la giunta: “Che per far dimenticare le loro gigantesche colpe e responsabilità hanno organizzato in tutta fretta una manifestazione per domani pomeriggio”. “Troppo tardi – conclude – bisognava essere chiari in questi anni di amministrazione arancione chiedendo con fermezza il rispetto della legge a tutti, senza far passare l’idea di zone franche, come centri sociali, in cui tutto è tollerato”.

In risposta, l’opposizione ha organizzato un presidio e una fiaccolata lungo le vie della città lunedì prossimo, 4 maggio, alle 19. L’appuntamento è in via Carducci angolo corso Magenta, lo stesso punto dove sono iniziati gli incidenti di ieri. “Milano non si piega“: questo il motto della manifestazione promossa da Forza Italia e FdI. Alle 20 è prevista anche una fiaccolata a cui si unirà la Lega Nord e che terminerà in via Pagano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

No Expo Milano, dalla Borsa al Teatro alla Scala: gli obiettivi mancati dei black bloc. Il ministro Alfano: “Rischiato un altro G8”

next
Articolo Successivo

Expo 2015, cade placca di ferro: visitatrice al pronto soccorso. Ecco il video

next