“Il G8 di Genova ha segnato un punto di non ritorno e prima di affrontare altri appuntamenti importanti in ordine pubblico, c’era la consapevolezza che dovesse esserci una svolta, sotto tutti i punti di vista, non solo per i reparti mobili”. Su queste basi, spiega al Fatto Quotidiano Girolamo Lacquaniti, responsabile del settore stampa del Dipartimento di pubblica sicurezza, nel 2008 è nata la Scuola di formazione per l’ordine pubblico. In questa struttura, a Nettuno, poco distante da Roma e creata su impulso dell’ex capo della Polizia Antonio Manganelli, vengono a formarsi varie figure professionali: dai reparti mobili ai funzionari. Lo scopo? Arrivare a un diverso approccio culturale all’ordine pubblico. E per questo la formazione, che va dall’una alle due settimane, comprende sia una parte di addestramento fisico e strategico, ma anche una formazione teorica e psicologica. Poi la parte operativa: qui si provano anche le cariche e si simulano momenti di tensione, tutto per testare gli agenti, “cercando di prevenire poi l’errore”. “Questo è tra gli istituti di formazione della polizia più grandi e significativi”, spiega il direttore del centro Stefano Valeri. “Chi ha responsabilità di direzione e comando – continua Lacquaniti – deve capire che ci sono situazioni di stress che più facilmente possono generare un errore. Tutto quello che viene fatto qui è atto a generare una cultura diversa: per questo si parla di servizi di mediazione fatti dalla Digos, di servizi di pianificazione fatti dalla questura e anche di comunicazione, perché aiuta a stemperare gli animi”, conclude il direttore della comunicazione di Chiara Carbone e Silvia D’Onghia

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No Expo, blitz delle forze dell’ordine: perquisizioni e sequestri ad attivisti stranieri

next
Articolo Successivo

Expo 2015, appalto all’amico di Lupi. Cantone: “L’ho saputo dal Fatto”

next