Scontro tra la giornalista Selvaggia Lucarelli e la consigliera di zona a Milano di Forza Italia Silvia Sardone, durante Piazzapulita (La7). Il tema dibattuto verte sui rom, riguardo ai quali la giornalista osserva: “Salvini fa un uso strumentale e odioso dell’informazione. Risolvere i problemi degli stranieri oggi vuol dire risolvere anche i nostri di problemi“. La Sardone, alla domanda di Formigli sulle differenze tra il Cavaliere e Salvini, rivendica: “Io sto sempre dalla parte dei cittadini. Berlusconi di sicuro è sempre stato attento ai problemi dei cittadini. Il 7% della popolazione italiana è immigrata e il 45% dei nuovi ingressi in carcere è costituito da immigrati. Se sono poi nomadi, non ha senso pensare a campi stanziali“. La consigliera di FI poi rincara: “Va controllato anche che i bambini siano effettivamente figli di alcuni rom“. Insorge Dijana Pavlovic, attrice e responsabile della ‘Fondazione Rom-Sinti Insieme’: “Ma basta. C’è questa leggenda orribile e ingiusta secondo cui i rom e i sinti rubano i bambini”. La Sardone menziona il censimento voluto da Maroni nel 2009. “Andatevi a informare al ministero dell’Interno” – ribatte la Pavlovic – “trovatemi un solo caso in cui in Italia un rom ha rubato un bambino e vi do un premio. Basta, non ne posso più”. Dopo alcuni minuti, Selvaggia Lucarelli osserva: “Vedo che il centrodestra moderato, qui rappresentato dalla Sardone, per liquidare la faccenda rom parla di nomadi che rubano i bambini“. “Non l’ho mai detto”, replica la consigliera. Si innesca la polemica e la Lucarelli legge alcuni post scritti su facebook nel 2010 da Simone Furlan, il fondatore dell’Esercito di Silvio. Tra i messaggi pubblicati, spicca uno: “Ho visto la luce, quello di un lanciafiamme che brucia tutti i marocchini e i rom in Italia”  di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rom, reportage da Bucarest di Piazzapulita: tra miseria e speranze

prev
Articolo Successivo

Scanzi vs Rotta (Pd): “Fedele a Renzi, miracolata”. “Lampadato, fai caricature misogine”

next