Scontro tra la giornalista Selvaggia Lucarelli e la consigliera di zona a Milano di Forza Italia Silvia Sardone, durante Piazzapulita (La7). Il tema dibattuto verte sui rom, riguardo ai quali la giornalista osserva: “Salvini fa un uso strumentale e odioso dell’informazione. Risolvere i problemi degli stranieri oggi vuol dire risolvere anche i nostri di problemi“. La Sardone, alla domanda di Formigli sulle differenze tra il Cavaliere e Salvini, rivendica: “Io sto sempre dalla parte dei cittadini. Berlusconi di sicuro è sempre stato attento ai problemi dei cittadini. Il 7% della popolazione italiana è immigrata e il 45% dei nuovi ingressi in carcere è costituito da immigrati. Se sono poi nomadi, non ha senso pensare a campi stanziali“. La consigliera di FI poi rincara: “Va controllato anche che i bambini siano effettivamente figli di alcuni rom“. Insorge Dijana Pavlovic, attrice e responsabile della ‘Fondazione Rom-Sinti Insieme’: “Ma basta. C’è questa leggenda orribile e ingiusta secondo cui i rom e i sinti rubano i bambini”. La Sardone menziona il censimento voluto da Maroni nel 2009. “Andatevi a informare al ministero dell’Interno” – ribatte la Pavlovic – “trovatemi un solo caso in cui in Italia un rom ha rubato un bambino e vi do un premio. Basta, non ne posso più”. Dopo alcuni minuti, Selvaggia Lucarelli osserva: “Vedo che il centrodestra moderato, qui rappresentato dalla Sardone, per liquidare la faccenda rom parla di nomadi che rubano i bambini“. “Non l’ho mai detto”, replica la consigliera. Si innesca la polemica e la Lucarelli legge alcuni post scritti su facebook nel 2010 da Simone Furlan, il fondatore dell’Esercito di Silvio. Tra i messaggi pubblicati, spicca uno: “Ho visto la luce, quello di un lanciafiamme che brucia tutti i marocchini e i rom in Italia”  di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rom, reportage da Bucarest di Piazzapulita: tra miseria e speranze

next
Articolo Successivo

Scanzi vs Rotta (Pd): “Fedele a Renzi, miracolata”. “Lampadato, fai caricature misogine”

next