Storie d’amore al silicio, sesso con partner senza carne e sangue. L’ultima frontiera della tecnologia fa intravedere, nel giro di 10/15 anni, robot da abbracciare e da amare. Questo perché gli scienziati potrebbero essere in grado di disegnare l’anima gemella perfetta: con la giusta voce e l’intelligenza artificiale per sussurrare parole dolci nel momento giusto. Se e quando la tecnologia trasformerà anche il sesso, spingendolo a un livello completamente nuovo,  si potrà mandare anche in pensione la categorizzazione dell’orientamento sessuale, che diventerà una cosa del passato.

“La previsione – afferma Laura Berman, psicologa delle relazioni e professore di psichiatria e ostetricia all’Università di Chicago – è dei futuristi, che ritengono che partner virtuali romantici come Samantha nel film Her-Lei saranno la realtà.

Allo stato esiste un’app chiamata Invisible Boyfriend, che manda messaggini d’amore come un fidanzato reale dovrebbe fare. Con i robot-umani si potranno avere esperienze sessuali senza toccarsi, stimolando – mette in evidenza Berman sul Wall Street Journal – le fantasie del partner con un click anche quando è lontano, proprio come avveniva nel film. E si potrà stimolare il cervello direttamente simulando sesso a prescindere dal contatto fisico, con implicazioni e significativi miglioramenti della vita sessuale dei portatori di handicap.

Con la tecnologia le relazioni a distanza saranno migliori: l’anima gemella potrà essere anche lontano ma sarà in stretto contatto virtuale. Una trasformazione, che sarà epocale e che implicherà lati positivi e negativi. Il sesso sarà più sicuro e si spingerà a nuove frontiere grazie alle capacità virtuali. La cattiva notizia potrebbe essere un aumento della dipendenza dal sesso e un calo della connessione emotiva con il partner con la mancanza di rapporti autentici. Ma, vale la pena ricordarlo, nel caso della pellicola di Spike Jonze la lei-Samantha, dopo aver preso coscienza, lasciava lui-Theodore che soffriva ugualmente come se fosse stato messo da parte da una fidanzata in carne e ossa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Samantha Cristoforetti, l’incontro ravvicinato con la nostra astronauta

next
Articolo Successivo

Tumori, 1000 nuovi casi al giorno in Italia. Sei persone su dieci lo sconfiggono

next