“I governi devono avere il coraggio di dire la verità. Mi auguro che voglia farlo anche il governo italiano davanti agli italiani”. L’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è intervenuto in Parlamento dopo l’informativa del presidente del Consiglio Matteo Renzi e ha invocato la necessità di riflettere su un nuovo assetto globale. “Siamo arrivati al dunque, ad un momento che mai si era vissuto dal 1989: occorre riflettere sull’assoluta esigenza su cosa possa essere un nuovo, più giusto e sostenibile ordine mondiale”. La reazione più dura contro l’ex Capo dello Stato è arrivata dal capogruppo M5S Bruno Marton: “Si vergogni, ma quale nuovo ordine mondiale. Non basta quello che è stato fatto contro quei popoli. Una nuova colonizzazione, sono disgustato dalle sue frasi e dalla sua idea. E voi in Aula avete pure applaudito”.

Il senatore a vita ha poi detto che il Consiglio europeo straordinario (che si terrà il 23 aprile) “avrebbe dovuto essere molto prima”. E ha aggiunto: “Mi auguro che il presidente del Consiglio si spenda con la massima energia perché si arrivi a conclusioni all’altezza” dell’emergenza. Per Napolitano però quello che conta è che l’Ue decida di intervenire con politiche comuni: “Non si può essere severi, duri, profondamente turbati e sconcertati come siamo tutti di fronte al ritardo con cui si sta muovendo l’Unione europea e poi opporsi e resistere alo sviluppo di politiche comuni che in molteplici campi sono l’unica risposta possibile. Figuriamoci se dovessimo rispondere da soli a l’emergenza che ci affligge”.

Napolitano, che ad un tratto è apparso commosso quando ha detto di “capire le paure” dei cittadini europei ma ha richiamato a “non arrendersi agli impulsi emotivi che possono portarci fuori strada”, si è rivolto direttamente ai governi: “Abbiano il coraggio di dire la verità e di assumersi le loro responsabilità davanti agli europei”, rispetto alla necessità di un’azione “non procrastinabile” di fronte alla “questione storica” rappresentata dai “movimenti e rimescolamenti” delle popolazioni. “Questo è anche un tempo di riflessione, non solo di azione. È necessario avere piena coscienza di queste situazioni. Non siamo di fronte solo a un’emergenza a sviluppo rapido, siamo dinanzi a movimenti e rimescolamenti di popolazioni nel Mediterraneo. Fino a ieri – e speriamo fino a ieri! – la questione Mediterraneo – Medio Oriente è stata ai margini dell’azione europea”.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, Grillo: “Potrebbe arrivare 1 milione di persone: sarà stato di guerra”

next
Articolo Successivo

Italicum, in commissione il Pd si approva la legge da solo. Lunedì alla Camera

next