L’istituto di credito tedesco Deutsche Bank rischia una multa da oltre 1,5 miliardi di dollari per la presunta manipolazione del Libor, uno dei tassi di riferimento del mercato interbancario. A rivelarlo è il Financial Times, secondo il quale la sanzione sarebbe la più alta mai comminata a una banca per una violazione di questo tipo. Deutsche Bank, secondo il quotidiano finanziario, è in trattative con le autorità inglesi e americane per patteggiare le accuse e un accordo potrebbe essere raggiunto entro la fine di aprile. Al Libor sono ancorati gli interessi relativi ai prestiti interbancari ma anche quelli che si applicano a molti prodotti finanziari, tra cui i mutui ipotecari.

Già alla fine del 2013 la banca era stata sanzionata per 725 milioni di euro sempre per aver manipolato tassi di interesse. Coinvolte, all’epoca, anche Sociète Generale, Rbs, JP Morgan, Citigroup e Rp Martin, a cui la Commissione europea aveva contestato di aver fatto cartello per influenzare in modo illecito derivati su tassi di interesse.

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regno Unito, Miliband: “Se vinco elezioni tasserò ricchi domiciliati all’estero”

next
Articolo Successivo

Ucraina, Standard&Poor’s: “Il default del debito è virtualmente certo”

next