I miliziani separatisti del Donbass hanno ucciso almeno quattro soldati ucraini dopo averli presi prigionieri. A rivelarlo è Amnesty International denunciando veri e propri “crimini di guerra“. Recentemente un comandante ribelle ha detto al Kyiv Post di aver ucciso personalmente 15 prigionieri.

Alcuni testimoni oculari hanno raccontato all’organizzazione per la difesa dei diritti umani che un comandante ribelle ha ucciso un militare prigioniero sparandogli a bruciapelo. La vittima, Igor Branovitski, aveva combattuto per la difesa dell’aeroporto di Donetsk. Un video in possesso di Amnesty International mostra il soldato preso prigioniero e interrogato. Il cadavere è stato poi consegnato ai familiari e seppellito sei giorni fa.

Amnesty sostiene di aver inoltre analizzato filmati che mostrano tre soldati ucraini vivi dopo essere stati catturati dai separatisti, e quindi delle immagini degli stessi morti, in un obitorio di Donetsk, con ferite da arma da fuoco alla testa e al petto. Questi tre militari erano stati fatti prigionieri nella zona di Debaltseve tra il 12 e il 18 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Tsarnaev giudicato colpevole per l’attentato alla maratona di Boston

prev
Articolo Successivo

Isis, hacker oscurano Tv5Monde. Minacce a Hollande e ai soldati francesi

next