Eseguito per la prima volta in Italia un trapianto d’organo da donatore samaritano, cioè da una persona disposta gratuitamente a donare in vita un organo, senza sapere a chi verrà destinato. Lo straordinario intervento, secondo quanto riporta l’agenzia Ansa, è stato eseguito a Milano e ha riguardato un rene, donato spontaneamente da una donna.

Gli effetti di questo gesto altruista sono stati immediati. La donazione ha innescato una catena d’interventi di trapianto, altrimenti impossibili – fenomeno che gli esperti chiamano “cross-over” – su cinque coppie, idonee al trapianto da vivente, ma incompatibili tra loro a livello immunitario o per il gruppo sanguigno. A renderlo noto il ministero della Salute, che ha convocato per la giornata di domani una conferenza stampa nella quale il ministro Beatrice Lorenzin, il direttore del Centro nazionale trapianti (Cnt) Alessandro Nanni Costa illustreranno, insieme ai chirurghi che hanno eseguito gli espianti, i dettagli di questo eccezionale intervento e, in particolar modo, dell’effetto domino che ne è scaturito attraverso il programma di cross-over.

Una speranza in più per i tanti pazienti in lista d’attesa, che si aggiunge alla notizia, resa pubblica alcuni giorni fa, del primo trapianto di cuore da cadavere realizzato in Europa, su un paziente inglese. Solo in Italia sono complessivamente più di 9mila i pazienti in lista d’attesa, la maggior parte, circa 6500, secondo le statistiche del sistema informativo trapianti del ministero della Salute, proprio per un rene, l’organo generosamente donato nell’intervento milanese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“La Terra aveva un sosia, un impatto fra pianeti generò la nostra Luna”

prev
Articolo Successivo

Sindrome di Aymé-Gripp, scoperto il gene che causa la malattia rara

next