“Il cordoglio va bene, ma fra quelli che sono morti a Tunisi c’è chi ci criticava affermando che siamo razzisti“. Sono le parole che Gianna Gancia, ex presidente della Provincia di Cuneo e attuale capogruppo della Lega in Regione Piemonte, ha pronunciato oggi in conferenza stampa a Torino, nello stesso giorno in cui nel capoluogo piemontese si celebravano i funerali di due delle 4 vittime della strage del Museo del Bardo. Tema dell’incontro, tenuto nella sede del gruppo alla presenza del segretario regionale leghista Roberto Cota, la manifestazione #Chiamparinoacasa con Matteo Salvini che il Carroccio sta organizzando per sabato prossimo nel capoluogo piemontese.

“Mi rendo conto che si tratta di un’affermazione forte – ha detto Gancia neppure un’ora prima dell’inizio dei funerali – ma sulle nostre grida d’allarme contro il fondamentalismo islamico i fatti ci hanno dato ragione”. Poco più tardi la precisazione. “Il rispetto e il cordoglio per le vittime di Tunisi sono fuori discussione – ha chiarito la capogruppo in una nota – ma basta ipocrisia sul fondamentalismo”. “L’oggetto del mio ragionamento – ha rimarcato- sono i media e i politici che hanno linciato la Lega quando aveva coraggiosamente criticato la deriva del fondamentalismo islamico, non certo le vittime”. “Tutti – ha aggiunto – erano in prima fila al funerale di Charlie Hebdo, le cui vignette estreme andavano bene. Mentre quando noi diciamo la verità, tutti addosso alla Lega”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dimissioni Lupi: cercasi ministro scapolo e sterile

prev
Articolo Successivo

Coalizione sociale, una risposta alla fine del movimento operaio

next