Non ha rispettato la precedenza e ha innescato un incidente che ha travolto cinque vetture. Poi si è dato alla fuga, senza fermarsi per soccorrere i feriti. Ma nello schianto avvenuto alle 9.42 in viale Brianza a Monza, nei pressi della Villa Reale, un 15enne, Elio Bonavita, ha perso la vita e sua mamma è stata portata in gravi condizioni all’ospedale Niguarda di Milano. A quanto si è saputo, il ragazzo e la donna erano a bordo della loro auto che si è scontrata frontalmente con una vettura che ha invaso la loro corsia di marcia.

Il giovane stava andando a giocare a calcio accompagnato dalla madre. La sua squadra era la Dominante di Monza ed era atteso sul campo di gioco quando i compagni hanno saputo della tragedia. Il padre del ragazzo, arrivato sul posto dell’incidente, ha sfogato il suo dolore prendendo a pugni le vetture coinvolte. La Dominante ha sospeso l’incontro.

Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia locale, a causare lo scontro tra le altre due vetture sarebbe stata una manovra avventata dell’auto del pirata. Il conducente dell’auto, probabilmente un suv, che si è scontrata frontalmente con quella delle vittime è rimasto a sua volta ferito ed è stato soccorso. L’autista che è fuggito a bordo del suo veicolo ha poi proseguito la sua corsa investendo altre vetture. Altre persone sono rimaste ferite in modo più lieve. L’uomo è ora ricercato dagli agenti della Polizia locale di Monza.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vincenzo Nibali nella rete del fisco: “dimentica” di versare 290mila euro

next
Articolo Successivo

Erri De Luca, malore a Gaeta durante l’arrampicata: “Soccorso in codice rosso”

next