Una lettera scritta per sbloccare i fondi necessari alla costruzione di diverse opere. Vergata sulla carta intestata del ministro Maurizio Lupi e indirizzata al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Luca Lotti. Gli inquirenti l’hanno rinvenuta in una valigia di Stefano Perotti, l’uomo che Ercole Incalza imponeva come direttore dei lavori ai contractor che prendevano appalti dal ministero delle Infrastrutture: Incalza aveva il compito di indicare le gare che potevano essere pilotate e le affidava alle aziende che accettano di pagare un 1% in più e la nomina di Perotti. “Caro Luca”, è l’incipt della missiva, scritta per sollecitare Palazzo Chigi a chiedere al Cipe lo sblocco di 9 miliardi di euro destinati all’apertura di diversi cantieri. La prova, secondo gli investigatori, che Perotti e Incalza (entrambi agli arresti nell’inchiesta sulle Grandi Opere della Procura di Firenze) si occupavano anche di tenere i rapporti con i piani alti di Palazzo Chigi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bancarotta Chil Post, pm Genova chiede archiviazione per Tiziano Renzi

prev
Articolo Successivo

Alluvione Genova, il funzionario: “Verbali falsificati perché elezioni vicine”

next