Una manifestazione itinerante che è ormai diventata un punto di riferimento per tutti gli appassionati della birra in Italia e che raggiunge il significativo traguardo della decima edizione. È l’Italia Beer Festival, che fa tappa a Milano dal 20 al 22 marzo 2015 presso l’East End Studios-Studio 90 (via Mecenate 90).

Il panorama brassicolo italiano è decisamente ben rappresentato con 36 birrifici ospiti e oltre 200 birre in degustazione: boccali che potranno essere assaporati con maggiore consapevolezza, anche dai meno esperti, grazie alle spiegazioni provenienti direttamente dai birrai presenti. Un parterre di addetti ai lavori che quest’anno comprende anche alcune nuove realtà come il brew pub sardo Cagliari. Ma tutte le tendenze nazionali e internazionali saranno ben analizzate all’Italia Beer Festival, dalle birre maturate in botte a quelle realizzate con l’aggiunta di frutta fresca che rappresentano uno dei trend del momento: si tratta di birre che si aggirano sui 5 gradi, beverine, acide, con note di ciliegie, lamponi, e pesche.

I visitatori potranno poi abbinare le birre artigianali a una vasta scelta alimentare in stand aperti da pranzo a cena: dalla cucina indiana alle piadine, fino ad hamburger, paella valenciana, burritos, nachos, kebab e arrosticini abruzzesi. E saziato il palato il pubblico potrà anche migliorare la propria conoscenza teorica, partecipando gratuitamente a laboratori (iscrizione a [email protected] fino ad esaurimento posti) tra i quali quelli per acquisire le nozioni fondamentali per imparare a degustare la birra artigianale. Questi seminari andranno dalla degustazione per principianti, alla ricoperta di un marchio storico come la birra Perugia, fino a un incontro sui luppoli americani del birrificio The Wall, un focus sulla tradizione tedesca del Birrificio Elvo e un question time sulla produzione casalinga.

L’edizione 2015 dell’Italia Beer Festival milanese ospiterà come di consueto la cerimonia di premiazione del CIBA (Campionato Italiano delle Birre Artigianali), che dal 2006 assegna il riconoscimento di prodotto nazionale dell’anno; a decidere il vincitore una commissione di esperti degustatori che procedono per quattro mesi ad effettuare gli assaggi del meglio che propone il panorama brassicolo. Infine spazio alla musica con l’esibizione, seguita da dj set, venerdì 20 marzo dei Tamurita, seguiti sabato 21 dai Jaspers e Pino Scotto.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Book Pride 2015, a Milano piccoli editori crescono nel segno della bibliodiversità

prev
Articolo Successivo

Palermo, lo chef che accompagna i turisti a fare la spesa al mercato del Capo

next